Morto l’avvocato Bozzetti

Scandiano: stroncato da un malore durante il sonno, aveva 50 anni

SCANDIANO. Un malore improvviso, che lo ha colto nel sonno, è costato la vita all’avvocato Gianluca Bozzetti. Aveva 50 anni e abitava in via Fogliani 1, dove aveva anche l’ufficio e dove gestiva la cartoleria di famiglia, ereditata dalla madre Vittorina, morta nell’aprile del 2006.

L’allarme è scattato ieri mattina, quando nessuno tra i suoi collaboratori lo ha visto uscire di casa per andare al lavoro e, temendo che potesse essere accaduto qualcosa, ha dato l’allarme al 118. I volontari e i medici arrivati dal Magati, dopo essere entrati in casa grazie anche all’intervento dei carabinieri, non hanno potuto fa altro che constatarne il decesso. L’avvocato era steso a letto, ormai privo di vita da alcune ore.

«Il “Bozzo”, così lo chiamavano gli amici, era molto conosciuto in paese – ricordano due amici fraterni di Bozzetti, Massimo Magnani e Raimondo Massinimi – sia per la sua attività di avvocato (seguiva in particolare le assicurazioni, ndr) sia per la gestione della nota cartolibreria, in precedenza gestita dalla madre Vittorina e dal padre Jaures. Già da qualche anno viveva solo, a causa della perdita dei genitori e, nonostante qualche serio problema di salute (due operazioni al cuore, ndr), non voleva rinunciare alla gestione – insieme alla sua fidata commessa Emanuela – della cartolibreria, che riteneva una pietra miliare nella tradizione della sua famiglia. Vero appassionato di molte discipline sportive quali atletica, tennis, ciclismo e calcio, aveva la fama di grande tifoso interista».

«Gli amici più stretti – concludono – accorsi davanti all’abitazione di via Fogliani, desiderano ricordarlo come sempre, senza esprimere frasi fatte o frasi mai dette, ma con il sorriso con cui il “Bozzo” si contraddistingueva».

Anche Giuseppe Pagliani, avvocato come lui, Alessandro Nironi, suo cugino, e Fabio Filippini (tutti e tre consiglieri comunali di Uniti per Scandiano) ricordano Bozzetti: «Gianluca era una persona simpatica e radiosa, amante di Scandiano e conosciuta da tutti proprio come lo erano il padre Jaures e la madre Vittorina. Di Gianluca ricordiamo la fraterna disponibilità, l’amore verso gli amici , le passioni calcistiche e sportive oltre a una profonda cultura storica e politica».

I funerali di Gianluca Bozzetti sono fissati per oggi alle 15 nella chiesa Grande di Scandiano.