Ultrà, targhe al setaccio dei carabinieri

di Elisa Pederzoli

Viano: si cercano i responsabili della rissa prima di Sassuolo-Carpi. Una testimone: «Violenza inaudita, grande la paura»

VIANO. Numeri di targa e immagini video: quelle registrate dagli investigatori sugli spalti della partita, e quelle di video sorveglianza che potrebbero aver ripreso il passaggio dei tifosi a Viano. Sono il materiale che i carabinieri stanno passando al setaccio per cercare di identificare il gruppo che, sabato pomeriggio poco prima dell’amichevole a Carpineti tra Sassuolo e Carpi, hanno danneggiato a colpi di bastone e sassi alcune auto in transito a Viano.

Tutto è avvenuto davanti al bar Sport, sulla provinciale. «Ci saranno stati una trentina di ragazzi. Sono venuti qui e ci sono rimasti dalle 14.30 fino alle 16.30. Sembravano così tranquilli...», racconta la titolare.

Invece, improvvisamente, li hanno visti agitarsi sui tavolini esterni. «Sono andati in macchina a prendere giacchette e sciarpe che si sono messi davanti alla faccia e dei bastoni di plastica rigidi – racconta – Quindi, si sono appostati in un angolo e si sono messi ad aspettare». Di fronte a quella scena, nessuno riusciva bene a capire quello che sarebbe accaduto di lì a poco. «E’ successo tutto in un baleno, quando sono passate tre o quattro macchine hanno iniziato a colpirle, a distruggerle con quei tubi – prosegue la barista nel suo racconto –. Ma si vede che sapevano esattamente quali volevano colpire. Perché nel mentre ne passavano altre e le hanno lasciate stare».

Qualcuno, di fronte a quella scena, ha chiamato i carabinieri. Ma quando sul posto sono arrivati i militari di Carpineti e Scandiano, del gruppetto non c’era già più traccia. «Se ne sono andati via subito. Gridavano: andiamo, andiamo. E’ stato tutto di una violenza inaudita, abbiamo preso molta paura. Ma non saprei dire di che squadra fossero», conclude.

Le indagini, ovviamente, guardano alle tifoserie delle due squadre che si sono affrontate in campo, per una partita amichevole. Non è chiaro di quale bandiera fossero coloro che, al bar, hanno atteso i tifosi di passaggio diretti a Carpineti. La certezza, secondo i testimoni, è che si trattasse di modenesi, stando alle targhe delle auto. Le indagini dei carabinieri, ora, dovranno accertare di dove e chi fossero.

©RIPRODUZIONE RISERVATA