Scoperta la banda del taccheggio Aveva la nota contabile dei furti

Castellarano: quattro rumeni denunciati per ricettazione. Nella loro casa trovata merce di ogni tipo Si sospetta che le “spese” rubate al centro commerciale Vittoria fossero destinate a negozi e ristoranti

CASTELLARANO. Non si hanno dati ufficiali, ma sarebbero almeno una decina al giorno i taccheggi nei supermercati di Reggio Emilia e provincia. La stragrande maggioranza dei ladri non vengono scoperti sul fatto, o talvolta vengono scoperti ma lasciati andare via dagli stessi commercianti, se il valore della refurtiva è basso.

Secondo le prime risultanze dei carabinieri della stazione di Castellarano – che hanno denunciato quattro rumeni sequestrando una ingente partita di merce rubata nei market ed anche una interessante “nota contabile” della compravendita della merce rubata – dietro questa serie infinita di furto, compiuti da squadre organizzate, vi sarebbe esercenti compiacenti.

Sarebbero diversi i canali per piazzare la refurtiva sul mercato nero: merce proposta “porta a porta” ai negozi e ai ristoranti, ma anche rubata e consegnata “su commissione” spesso fuori zona, oppure destinata ai mercati ambulanti.

A parte chi ruba cibo per necessità, i ladri professionisti privilegiano tranci di prosciutto, buste di salmone, pezzi di Parmigiano Reggiano, vini, champagne e superalcolici, ma anche biancheria intima ed elettrodomestici professionali, come phon e piastre per capelli.

I carabinieri della stazione di Castellarano, partendo da una serie di denunce nei confronti di cittadini rumeni responsabili di numerosi taccheggi avvenuti nel supermercato e nei negozi del centro commerciale Vittoria di Castellarano, sono giunti ad un’abitazione che si trova alla periferia del capoluogo reggiano, risultata essere il deposito della merce rubata in attesa di essere piazzata.

La perquisizione nell’abitazione – in cui vivevano tre donne e un uomo, tutti di origine rumena – ha portato al sequestro di una ingente partita di merce rubata, del valore di svariate migliaia di euro, costituita da piastre per capelli, champagne, superalcolici, cioccolato di vario tipo, cosmetici e profumi. Tutta merce che, secondo i carabinieri di Castellarano, era in attesa di essere piazzata. Merce in buona parte derivante dai furti messi a segno proprio nel centro commerciale Vittoria.

Nell’abitazione, perquisita dai carabinieri su disposizione della Procura della Repubblica, i militari di Castellarano hanno trovato e sequestrato un interessante manoscritto che, da un primo esame, viene considerato una sorta di nota contabile relativa alla illecita compravendita della merce rubata.

Le indagini dei carabinieri continuano con l'obiettivo di ricostruire la filiera di questa attività illegale e di arrivare ai commercianti compiacenti che poi rivendono la merce rubata.

I quattro cittadini rumeni – tutti di età compresa fra i 24 e i 30 anni e tutti abitanti a Reggio Emilia – sono stati denunciati alla Procura reggiana per il reato di ricettazione.

©RIPRODUZIONE RISERVATA