Morto lo storico prete di Fabbrico

Parroco del paese per 35 anni, monsignor Davolio viveva alla Casa del clero dal ’97. Lunedì i funerali

FABBRICO. Si è spento giovedì sera, all’età di 93 anni, monsignor Mario Davolio. Dopo che un ictus lo aveva costretto sulla carrozzina, dal 1997 viveva nella Casa del Clero di Porporano (Parma). Nell’ultimo mese le sue condizioni di salute avevano subìto un deciso peggioramento, anche se monsignor Davolio non ha mai perso la lucidità.

Era nato il 23 ottobre 1921 a Santa Maria della Fossa ed era stato ordinato sacerdote il 29 aprile 1945: avrebbe festeggiato il 70esimo anniversario di messa mercoledì prossimo.

Per undici anni don Mario era stato vicario cooperatore a Novellara, poi parroco a San Girolamo dal 1956 al 1961. In quell’anno aveva ricevuto la nomina a parroco di Fabbrico, dove rimase per più di 35 anni.

«Era un parroco dinamico – lo ricorda don Gino Bolognesi, originario di Fabbrico ma sacerdote a Reggiolo – che cercò sempre un buon rapporto con la gente, pur operando in una terra segnata dal clima pesante del dopoguerra».

A Fabbrico don Mario raccolse i frutti del lavoro pastorale del predecessore don Walter Davolio, impegnandosi per l’abbellimento della chiesa parrocchiale e per il trasferimento dell’oratorio in ambienti più confortevoli.

La salma di monsignor Mario Davolio giungerà domani alle 15.30 nella chiesa di San Francesco di Fabbrico. Alle 20.30 verrà recitato il santo rosario. La cerimonia funebre sarà celebrata nella stessa chiesa lunedì alle 15: sarà il vescovo emerito Adriano Caprioli a presiedere la santa messa.