Non solo Sesso: strani nomi di paese, il viaggio continua

di Roberto Giampietri

Nuove curiosità toponomastiche in provincia di Reggio Emilia: quando Cinqueterre e Massa te li ritrovi... in montagna

REGGIO EMILIA. Saliamo sul Pandino (Cremona), pronti alla partenza. Tutta colpa del telefono. Che ha squillato per davvero: “Il pezzo sulle frazioni è piaciuto, ci vuole il seguito”. “Però c’è una cosa: se è Lora (Campegine) del bis, mi serve una Manno (Toano)” dico io. “Usa i suggerimenti della gente” dicono dall’altro capo. Quindi mettiamo in moto. E via. Col ‘Non solo Sesso’ atto II.

«Attento, il Dosso» (Ferrara).

«Tranquillo, è un Dossobuono» (Verona). «Poi andavo piano mica ai Centora (Piacenza)».«Sì, ho capito, ma Cereggio (Ramiseto)?».

«Certo che c’è».

MARI E MONTI. Ci sono Montecavolo (Quattro Castella) e Montericco (Albinea), Montechiodo (Toano) e Monteduro (Castelnovo Monti). Ma a Montefaraone (Baiso) ci saranno anche gli egizi? Chi lo sa. Il mare non c’è. Eppure di coste ce ne sono a volontà. Costa de’ Grassi a Castelnovo, Costaferrata a Casina. Così come La Costa.

«Che bella quella». «Sai che fatica, è Costabona (Villa Minozzo)». Coste e non solo. Non c’è la sabbia e non è neppure d’oro ma di Lignano, uno, è anche a Toano. Bellaria è a Castelnovo Monti, a Baiso han la Riviera, a Toano c'è Massa.

Ecco Cinqueterre (Castelnovo Monti) e San Donnino (Casalgrande), e la Liguria è servita. «Sssshh, taci un attimo: voglio sentire il tiggì…».

IL TELEGIORNALE. «Buonasera – dice il giornalista -, la cronaca in primo piano...».

Alla Primaore (Villa Minozzo) dell’alba, blitz degli inquirenti a Campo dell’Oppio (Carpineti). Ma lui si difende: Nulla da temere, questa è Cà dell’Onestà (Villa Minozzo)”. “Grave infortunio domestico. La Vecchia (Vezzano) Cadè (Reggio), d’urgenza in Ospedaletto (Reggio): Testa (Reggiolo) non rotta, Magonfia (Castelnovo Monti)”. “Chiudiamo con lo sport: ottimo Villa nel salto con l’Asta, male Carpineti nel lancio del Giavello”.

DAL VETERINARIO. C’è un Cà del Merlo (Carpineti) che non canta più, un Poiano (Villa Minozzo) che fatica a volare. “Ma che bella quella Felina (Castelnovo Monti)”. “Grazie. Sa, questa è una Felinamata (Castelnovo Monti)”.

AGRICOLTURA E ALLEVAMENTO. Gombio (Castelnovo Monti) alleva Caprara (Campegine) e Caprile (Ligonchio). “Ma come, non erano Pecorile (Vezzano)?”. Mah. Una Pollecchia gira vicino a La Vecchia, la Tincana nuota a Carpineti. “Vedi quel Campo (Ligonchio), è pieno di Spigone (Vetto)”. “Ma cosa dici, non te ne intendi: quello è un Giardino (Ligonchio) di Gardenia (Reggio). E poi han pure una Serra (Viano)”. “Ma, dai”. A Cavriago Fogliano (Reggio) Quercioli, a Vetto è cresciuto un Pineto.

CAMPO GIOCHI. A Case Balocchi (Villa Minozzo) sembra di stare al parco divertimenti. Gli Shangai (Ligonchio) son sul pavimento. Poi Cerrè (Ligonchio) che conta e gli altri si nascondono: “Uno…due…Tressano (Castellarano)…Quattro Castella…Cinquecerri (Ligonchio)…sei…sette…Ottosalici (Castelnovo Monti)…Novellara…Sessanta (San Polo)”. “Taneto (Gattatico) per me”.

FIORI D’ARANCIO. Barco (Bibbiano) e Barcaccia (San Polo) si diranno sì, Canali (Reggio) e Canala (Casina) si diranno sì. Così come Rolo e Rola (Carpineti). Marola (Carpineti) sposerà Maro (Castelnovo Monti), Piolo (Ligonchio) si unirà a Piola (Baiso). Intanto buon San Valentino (Castellarano) a tutti.

IL GRANDE MIX. “Prima che Cantigalli (Carpineti), tu Pietre (San Polo) mi rinnegherai”. Se Terrasanta è a Castelnovo, Salvaterra è a Casalgrande. Sulla tavola non manca La Caraffa (Reggio) di Lambrusco (Scandiano). Parcheggiamo la macchina e spegniamo il motore. “Ma come, finisce così? Neanche stavolta hai messo La Brugna (Casina), Pappagnocca (Reggio) e Buco del Signore (Reggio)”. “Non so più cosa inventare. E allora sì, Terminaccio (Castelnovo Monti) così. Punto. Anzi, Virola (Castelnovo Monti)". "Virola?". "Sì, Virola. La g è muta...”.

LEGGI QUI LA PRIMA PUNTATA

Ringraziamenti. Stavolta lo ammetto. Non è solo “colpa” mia. Il pezzo sulle frazioni e le località della nostra provincia dai nomi singolari è come se fosse stato scritto digitando su tante tastiere. Di computer e telefonini. I commenti dei lettori della Gazzetta al precedente articolo sono stati davvero numerosi. E soprattutto utili.

Allora un grazie a Licia Galletto per aver segnalato Buco del Signore, Pappagnocca, Gardenia (in città) e la citatissima La Brugna, frazione tra Vezzano e Casina. Cinzia Fontana ha indicato Pecorile. Mariano Scala ha suggerito Caprile, La Vecchia e Cinquecerri. Silvano Ferri ha ricordato Lambrusco. Sharon Venturelli ha segnalato Costabona e Poiano, Felinamata, Virola e Costa de’ Grassi. Alessandra Casali ha evidenziato La Caraffa, San Valentino e tante altre. Giordano Simonelli ha suggerito Shangai e Giardino, località vicine Ligonchio. Carmen Casoni ha proposto Cà del Merlo e Tincana. Queste sono le località e le frazioni inserite nel ‘Non solo Sesso, atto II’. Ma sono stati tanti altri i suggeritori. A tutti loro, un sincero grazie.

©RIPRODUZIONE RISERVATA