Fabio Pasini ucciso da infarto a 53 anni

di Mauro Pinotti

Guastalla: si è sentito male in bagno, i soccorsi sono stati vani. Animatore dell’oratorio, lascia la moglie e 4 figli

GUASTALLA. Tutta la comunità guastallese è attonita per la grave perdita di un amico: Fabio Pasini, 53 anni, dipendente della curia, factotum dell’oratorio “Don Bosco” di Guastalla, ex giocatore di basket, promotore del Cres. Se né andato improvvisamente lasciando nel dolore la moglie e quattro figli di cui due gemelli di 10 anni, oltre agli anziani genitori.

I funerali si svolgeranno venerdì 4 alle 9.30, partendo dalla sede dell'oratorio, dove da ieri pomeriggio, è stata allestita la camera ardente. Fabio Pasini è stato stroncato da un infarto fulminante la sera di martedì mentre si trovava in bagno nella sua abitazione di via Garibaldi. I familiari non lo vedevano più uscire e quando sono andati a chiamarlo l'hanno trovato a terra esanime.

Nonostante l'arrivo immediato dei soccorsi e i tentativi di rianimarlo, la disperata corsa all'ospedale di Guastalla, per il 53enne non c'è stato nulla da fare. Fabio Pasini, classe 1962, si era dipolomato al liceo “Passerini” di Guastalla,

Tra gli anni '70 e '80 partito dalla locale Us. Saturno ha giocato nella squadra di basket di Viadana (Mn) in serie D. Da diversi lustri lavorava come dipendente della curia all’oratorio don Bosco e nel corso della sua attività ha visto crescere numerose generazioni.

Era l'anima dell’oratorio “Don Bosco”: il Cres è stata una sua creatura. Il padre Fabrizio è stato per tanti anni comandante della polizia municipale. La notizia dell'improvvisa scomparsa di Fabio Pasini si è subito diffusa in tutta la città suscitanto viva impressione e vasto cordoglio. Fabio infatti era molto conosciuto e benvoluto da tutti.

Anche il sindaco Camilla Verona, saputa la tragica notizia, ha voluto esprimere oltre al suo dolore personale ai familiari, anche la solidarietà e la vicinanza di tutta l'amministrazione comunale e della cittadinanza. La società sportiva “Guastalla calcio” si è stretta attorno alla famiglia di Fabio Pasini.

«Molti lo hanno conosciuto e vissuto all'interno dell’oratorio Don Bosco e molti lo conoscevano per il suo impegno nella comunità Guastallese - si legge nella nota - Caro Fabio, hai dedicato la tua vita ai giovani, hai trasmesso valori di vita e di squadra sia all'oratorio sia nello sport. Sarai e rimarrai l'uomo con il megafono...grazie per gli insegnamenti che hai dato a tutti noi...ora riposa in pace. Ciao Paso!».

Questa sera, alle 20.30, in oratorio verrà recitato il Rosario così come è avvenuto ieri a poche ore dall'apertura della camera ardente. Tantissime le persone che si sono recate, già nella giornata di ieri, a far visita alla salma per un breve saluto o una preghiera. Anche il parroco e vicario generale don Alberto Nicelli ha voluto abbracciare i familiari di Fabio Pasini duramente provati dal dolore e che non sanno darsi pace per l'improvvisa perdita del loro congiunto.