Gli negano da bere, 22enne ubriaco picchia due baristi e quattro carabinieri

Sant'Ilario: un bar del paese teatro di una scena da film western, con il locale trasformato in saloon. Sei persone finiscono all'ospedale, il violento avventore, di 22 anni, arrestato con una sfilza di reati

SANT'ILARIO D'ENZA. Ha mandato all'ospedale sei persone, tra le quali quattro carabinieri e due baristi, solo perché... voleva da bere. Sono stati momenti di inaudita violenza quelli verificatisi poco dopo l’una di questa notte all’interno di un bar del comune di Sant'Ilario: da una parte un nordafricano clandestino con domicilio a Parma che, completamente ubriaco, si è presentato in un bar del paese e dall’altra l’esercente, che è stato brutalmente pestato per essersi rifiutato di dargli da bere e suo padre che, andato in soccorso del figlio, ha ricevuto lo stesso trattamento.

Il violento aggressore non ha "risparmiato" nemmeno i carabinieri, intervenuti su richiesta d'aiuto dello stesso barista, che si sono visti aggredire dall’uomo, andato letteralmente in escandescenze alla sola vista dei militari.

Pesanti le conseguenze: il barista ha riportato la frattura nasale con una prognosi di 30 giorni mentre il padre tumefazioni ed escoriazioni al volto, che hanno costretto i medici ad applicargli alcuni punti di sutura al viso,  e una prima prognosi di guarigione di 21 giorni.

Meni gravi le ferite riportate dai quattro carabinieri, vittime della furia violenta dell’uomo: per loro prognosi tra i 4 e i 7 giorni.

Alla fine, però, i militari sono riusciti a bloccare il violento "cliente" e ad arrestarlo con l'accusa di tentata rapina, danneggiamento, lesioni personali, resistenza, violenza e minaccia a pubblico ufficiale. In cella è finito il 22enne Saleh El Hadr, originario della Tunisia, clandestino, con domicilio dichiarato a Parma.