Dalla Nuova Pro loco donazione alla Cri e a varie associazioni

Canossa: dopo un anno di attività è avvenuta la consegna di un defibrillatore e di fondi a scuole, parrocchia e “Borghi”

CANOSSA. «La Nuova pro loco di Ciano d'Enza non pensa solo a se stessa, ma si apre al territorio, al proprio paese e alle sue esigenze, cerca di guardare agli altri e, nel limite del possibile, di aiutarli. Vogliamo collaborare concretamente con le associazioni e gli enti di Canossa per migliorare il paese nel quale viviamo. Aiutiamoci gli uni con gli altri, e vedrete che, con questo stile, ad ogni bilancio le voci positive saranno maggiori di quelle negative. E non alludo solo agli aspetti economici». E’ con queste parole che Marco Mattioli, presidente della Nuova pro loco di Ciano d’Enza, nata esattamente un anno fa, ha presentato l’altra sera le donazioni che l’associazione ha deciso di fare a favore di altri gruppi del canossano.

Donazioni che sono state concretizzate in un partecipato e caloroso incontro tenuto presso la Casa degli alpini.

Eccole, in sintesi, le donazioni fatte con il ricavato delle iniziative svolte in questo primo anno di attività: 1000 euro sono stati donati alla Croce Rossa di Canossa per l’acquisto di un defibrillatore, che sarà posizionato nell’area sportiva di via Vico; 850 euro sono stati donati alla scuola elementare di Ciano per l’acquisto del computer di una LIM (lavagna interattiva multimediale), 300 euro alle scuole medie per partecipare all'acquisto di un’altra LIM, 300 euro alla Parrocchia di Ciano d’Enza e 100 euro all'associazione “I Borghi di Roncaglio”.

Il presidente Mattioli, per l’occasione, ha quindi ringraziato tutti i volontari «che hanno creduto nel progetto della Nuova pro loco di Ciano d’Enza, a tutti quelli che hanno dedicato tempo, energie e entusiasmo alle nostre iniziative e al nostro paese».

Alla serata, oltre ai membri del direttivo della pro loco e a numerosi volontari, hanno preso parte Manuela Camorani (presidente Croce Rossa Canossa), don Vasco Rosselli (parroco di Ciano), Stefania Rabotti (rappresentante dei genitori delle scuole medie), Camilla Cervi (rappresentante dei genitori delle scuole elementari) e Luca Pappani (rappresentante dei “Borghi di Roncaglio”).