Malore fatale nei campi, muore a 58 anni

di Adriano Arati

Viano: Giorgio Grimaldi, alpino e volontario dell'Ana, era andato a trovare alcuni amici a Tabiano. Difficili i soccorsi e il recupero della salma tra le colline della frazione vianese

VIANO. E’ morto sul trattore, stroncato da un infarto in una domenica in compagnia con gli amici. E’ stato un pomeriggio tristissimo per il territorio vianese, segnato dal decesso improvviso del 58enne Giorgio Grimaldi in un ripido campo nei colli della zona di Tabiano.

Grimaldi, che viveva a Viano capoluogo, era a Tabiano in compagnia di alcuni amici agricoltori che in questo periodo sono impegnati nel taglio del fieno. Appassionato di ruspe e trattori, come spesso gli capitava, si era unito al gruppo per dare loro una mano e passare il pomeriggio in compagnia. Attorno alle 17, mentre si trovavano in una zona particolarmente scoscesa, Grimaldi e un amico si sono fermati per una pausa, spegnendo il trattore.

Mentre si trovavano seduti sul mezzo, il 58enne è stato colpito da un infarto, che gli ha fatto perdere i sensi. L’amico al suo fianco ha subito telefonato al 118, e sono partiti in direzione Tabiano l’elisoccorso, l’automedica e la Croce Rossa di Scandiano oltre ai carabinieri della tenenza scandianese.

L’elicottero si è reso necessario perché l’area dove si trovava Grimaldi è praticamente irraggiungibile con i normali mezzi, anche con un fuoristrada l’accesso è molto difficoltoso. Anche spiegare la posizione precisa si è rivelato un problema, e per cercare di intervenire in tempo utile si è puntato quindi sull’elisoccorso.

Inutilmente, purtroppo, perché la crisi cardiaca si è dimostrata fatale e i sanitari non hanno avuto la possibilità materiale di fare qualcosa per limitarne i danni.