Tecnico folgorato da una scossa elettrica a Salvaterra

di Ambra Prati

Casalgrande, infortunio sul lavoro alle ex acciaierie. Il 50enne sbalzato a terra e svenuto: è fuori pericolo

CASALGRANDE. E’ stato folgorato da una scossa elettrica che l’ha sbalzato a terra e gli ha fatto perdere i sensi, ma se la caverà l’operaio che è stato coinvolto in un serio infortunio sul lavoro alla Rubiera Special Steel, ex acciaierie situate nella frazione di Salvaterra di Casalgrande.

Alle ore 14.30 due colleghi di una ditta esterna, specializzata in manutenzione di impianti elettrici, erano al lavoro accanto ai grossi armadi di quadri elettrici, posti all’esterno, che alimentano lo stabilimento produttivo. A dare l’allarme è stato il collega che operava insieme a lui e che ha chiamato i soccorsi. Da una prima ricostruzione, effettuata dal Servizio prevenzione e sicurezza ambienti di lavoro dell’Ausl, l’addetto - un 50enne residente a Carpi - stava seguendo la manutenzione accanto ai quadri da 10mila volt quando, per un probabile contatto elettrico, è stato colpito dalla corrente ed è svenuto.

Vista la dinamica importante, la centrale del 118 di Parma ha inviato sul posto l’ambulanza e l’elisoccorso, raggiunti in un secondo tempo dai vigili del fuoco e dai carabinieri della stazione di Casalgrande. Dopo pochi minuti, però, le condizioni del tecnico sono apparse meno gravi: il 50enne ha ripreso conoscenza, tanto che all’arrivo dei pompieri era già stato trasportato al pronto soccorso del Santa Maria Nuova. Lì è stato sottoposto agli accertamenti del caso e tenuto sotto osservazione, ma pare che sia fuori pericolo: si riprenderà.

Resta da accertare con esattezza la dinamica dell’infortunio: gli esperti dello Spsal dell'Ausl torneranno alle ex acciaierie per una analisi attenta che consenta di ricostruire l’accaduto. Per il momento il dato certo è che la scossa è partita dal contatto di un circuito secondario, altrimenti il tecnico non sarebbe sopravvissuto.