Sta per rubare una bicicletta al Santa Maria Nuova, arrestato

I carabinieri hanno mosso l'accusa di tentato furto aggravato a un 21enne di Reggio Emilia, denunciata anche una 16enne che faceva da palo

REGGIO EMILIA. Sono andati all’Arcispedale Santa Maria Nuova non per far una visita a un degente o per una visita medica,  ma per rubare  biciclette che il personale sanitario aveva parcheggiato nelle apposite rastrelliere. L’attività del ladro e della sua giovanissima complice non è tuttavia andata a buon fine: hanno cercato di rubare una bicicletta tranciando la catena che la legava alla rastrelliera ma il tentato furto non è passato inosservato a un passante che ha subito allertato il 112.

L’operatore della Centrale Operativa del Comando Provinciale di Reggio Emilia ha subito inviato sul posto una pattuglia del Nucleo Radiomobil che ha colto con le mani nel sacco il ladruncolo e la giovane complice. Con l’accusa di tentato furto aggravato i Carabinieri del Nucleo radiomobile della Compagnia di Reggio Emilia hanno arrestato un 21enne residente nel capoluogo reggiano, ristretto al termine delle formalità di rito a disposizione della Procura reggiana.

Nei guai anche una 16enne reggiana denunciata per concorso in tentato furto aggravato alla Procura presso il Tribunale dei minori di Bologna. La bicicletta recuperata è stata poi restituita all’ignara derubata: un'operatrice socio assistenziale che lavorava in ospedale.

Un arresto portato a compimento grazie alla collaborazione dei cittadini che allertando il 112 hanno di fatto impedito con l’intervento dei Carabinieri la consumazione di furti di bicilette e l’impunità dei responsabili. I fatti risalgono a questa notte poco dopo le 00.30 quando su richiesta dell’operatore in servizio al 112, a sua volta allertato da un cittadino, una pattuglia dei Carabinieri del nucleo radiomobile della compagnia di Reggio Emilia si precipitava presso l’Arcispedale Santa Maria Nuova  dove è stato sorpreso un uomo che utilizzando delle pinze ha tranciato la catena di una bicicletta parcheggiata nelle apposite rastrelliere poste all’esterno dell’ospedale.

Alla vista dei Carabinieri il giovane ha cercato di allontanarsi in modo del tutto “indifferente” con una ragazzina. Una volta fermati i due, il ragazzo inizialmente ha negato eventuali addebiti per poi, insieme alla ragazza in sua compagnia, ammettere che stava cercando di rubare la bicicletta come accertato in modo inconfutabile dai carabinieri che lo hanno trovato in possesso della pinza utilizzata, mentre nei pressi della rastrelliera è stata ritrovata la catena spezzata.

L'uomo è stato arrestato, mentre la ragazzina, risultata minorenne, è stata denunciata e affidata ai genitori. L’ignara vittima che si trovava in ospedale è stata rintracciata dai carabinieri che le hanno restituito la bicicletta.