Rissa in via Turri, accoltellato un ventenne

di Serena Arbizzi

Il giovane è arrivato sanguinante in piazzale Europa in sella alla bicicletta. Ferito anche un altro uomo

REGGIO EMILIA. Attimi di paura e di angoscia in piazzale Europa, di fianco alla stazione dei treni. Un giovane straniero, Mamadou Diallo, 20 anni, è arrivato sanguinante al piazzale in sella alla sua bicicletta: l’uomo, stando alle prime ricostruzioni del personale di soccorso arrivato sul posto, avrebbe riportato una profonda ferita provocata da una coltellata al torace.

Erano da poco passate le 21 quando si è verificato l’episodio e la visione dell’uomo, tutto ricoperto di sangue, in piazzale Europa ha spaventato i frequentatori del parcheggio.

Diallo è stato accoltellato in via Turri, probabilmente a seguito di una rissa, dal momento che anche un altro uomo, ferito in modo più lieve, è stato soccorso.

Il ventenne è arrivato in piazzale Europa, probabilmente per cercare di scappare dai suoi aggressori. Una volta arrivato nei pressi della stazione ferroviaria, il 20enne ferito gravemente ha incontrato alcuni suoi coinquilini che condividono con lui un alloggio in via Turri. Immediatamente sono stati allertati i soccorsi: sul posto sono intervenute un’ambulanza e un’automedica della Croce Verde che hanno prestato le prime cure mediche al ferito e successivamente l’hanno portato all’ospedale Santa Maria Nuova.

Sempre all’ospedale è stato portato dalle forze dell’ordine un amico di Diallo, il quale potrà fornire ulteriori spiegazioni per tentare di ricostruire quali siano i motivi dell’aggressione a seguito della quale il 20enne è rimasto ferito. In piazzale Europa è intervenuta una pattuglia dei carabinieri: i militari hanno ascoltato alcuni amici di Diallo, anch’essi stranieri, per ricostruire quanto accaduto.

Da tempo il quartiere in cui sorge la stazione dei treni è crocevia di criminalità e sono numerosi gli episodi preoccupanti che si sono verificati. La zona è infatti al centro della cronaca per spaccio di droga ed è già stato teatro di risse in passato. Inoltre, il problema sicurezza è ancora molto sentito in città. È ancora forte l’eco dell’omicidio di via Nacchi, il vicolo che congiunge via Secchi e via Sessi, pochi metri prima del parcheggio dell’Aci, in pieno centro storico, lo scorso giugno: un tunisino è stato ucciso a coltellate. Il grave fatto si è registrato anche quella volta tra stranieri.