Gualtieri, artista anonimo abbandona un'opera al Museo Ligabue

di Serena Arbizzi

La tela è stata lasciata nelle vicinanze della Casa. La presidente Sassi: "L'autore si faccia avanti domani, quando inaugureremo la mostra di De Simone"

GUALTIERI. Ha usato uno stile tanto bizzarro quanto affascinante, proprio come il soggetto della sua opera, l'artista che ha voluto omaggiare Antonio Ligabue tramite una trovata che il grande pittore naif avrebbe probabilmente approvato.


Nei giorni scorsi, infatti, davanti alla Casa Museo Antonio Ligabue, fondata dal ristoratore Giuseppe Caleffi per celebrare la grande passione per questo artista, è stato abbandonato un quadro. Si tratta di una tela su cui è ritratto il volto dello stesso Ligabue, di profilo, impegnato in una smorfia irriverente. Un'immagine che ben coglie l'essenza dell'artista, animo tormentato, lasciata davanti alla Casa Museo con un gesto che appare anch'esso artistico, dato che l'autore non si è manifestato, nonostante l'opera riporti la firma in calce.


E così arriva l'appello all'autore da parte della Casa Museo Ligabue, a manifestarsi domani, durante l'inaugurazione di una mostra completamente incentrata sul pittore. Il mistero, quindi, potrebbe essere sciolto domani. «Abbiamo ritrovato questa tela davanti al museo – spiega Gilda Sassi, presidente della Casa Museo Ligabue – L'opera è interessante, vorremmo sapere chi l'ha lasciata: chi l'ha realizzata si è firmato con T41, ma non sapremmo associare a un soggetto specifico la paternità di questa tela su garza, alla quale è stato applicato un gesso. Successivamente, il disegno è stato realizzato sul gesso stesso. Invitiamo, dunque, l'autore, a sciogliere il mistero domani nel corso della mostra fotografica sulla street art a cura di Federico De Simone. Saremmo lieti di ringraziarlo: l'opera che ci ha regalato, poi, verrà esposta in mostra».