Reggio Emilia, Bruzzone in città: una cena con delitto e i pericoli dei social

di Ambra Pratri

Tre iniziative per sostenere La Caramella Buona Onlus La criminologa parlerà dei rischi in rete con 300 studenti

REGGIO EMILIA. Un incontro con 300 studenti delle scuole medie sui pericoli dei social network e una cena con delitto per sostenere le attività de La Caramella Buona Onlus: è il programma della due giorni di full immersion della nota criminologa Roberta Bruzzone, che sarà in città giovedì 26 e venerdì 27 gennaio, ospite dell’associazione nata vent’anni fa per combattere la pedofilia e della quale l’esperta è vicepresidente nonchè direttore scientifico.

Personaggio televisivo, nota al grande pubblico perché ospite fissa di programmi quali “Porta a Porta” di Bruno Vespa e “L’Arena” di Giletti, Bruzzone è tra le criminologhe più richieste dai tribunali italiani in fase di perizie tecniche per omicidi e violenze.

L’esperta era stata a Reggio nel dicembre scorso, per presentare due importanti casi di violenze sessuali accaduti recentemente nel Reggiano. Questa volta Roberta Bruzzone sarà invece protagonista di tre iniziative divulgative: una rivolta alle scuole, le altre due a tutti i cittadini interessati.

Giovedì 26, alle ore 18 alla Libreria all’Arco con ingresso gratuito, si terrà la presentazione con l’autrice dello stesso volume. E, in serata, un appuntamento rivolto al pubblico adulto: ci si sposterà al ristorante Aylanto (via San Girolamo 2) per una originale “Cena con delitto” sul modello de “I dieci piccoli indiani” di Agatha Cristie, condito da un menu di pesce (completo di antipasti, primo, secondo, dolce, caffè, acqua e vino al prezzo di 80 euro) il cui ricavato andrà a sostenere le attività de La Caramella.

«Durante la serata verrà proiettato un cortometraggio professionale di 20 minuti dove, in modo realistico, alcuni attori ricostruiranno la cronaca di un femminicidio avvenuto qualche anno fa nel Bolognese - spiega Mirabile - un delitto con sei sospettati. Verrà distribuita ai tavoli una scheda detective e ogni commensale si improvviserà investigatore. Per vincere bisognerà indovinare tutto: non solo il nome dell’assassino, ma anche il movente e l’arma del delitto, perché come in una vera e propria attività investigativa serviranno le prove. L’aspetto coinvolgente è che Roberta Bruzzone per tutta la serata passerà tra i tavoli e i commensali-detective potranno porle delle domande: un piccolo aiuto per facilitare il compito. I vincitori si aggiudicheranno premi messi in palio dagli sponsor sostenitori. Inoltre, durante la serata, Bruzzone presenterà in esclusiva il suo kit di polizia scientifica, per mostrare come funziona il luminol, i guanti usati dalla scientifica, le polveri chimiche utilizzate dall’Fbi».

Venerdì, al mattino, la criminologa sarà nella palestra dell’Istituto “Carlo Alberto Dalla Chiesa”, dove catalizzerà l’attenzione di 300 studenti: l’occasione sarà la presentazione de “Il lato oscuro dei social media”, libro patrocinato dalla Caramella Buona.

«Si tratta di un vero e proprio manuale utilissimo per adolescenti ma soprattutto per i genitori, di solito impreparati di fronte alla tecnologia - spiega il presidente de La Caramella Buona, Roberto Mirabile -. Scopo del volume è insegnare a prevenire e reprimere i pericoli in rete dei social network più utilizzati dai ragazzini. Si tratta di un manuale informativo scaturito dall’esperienza decennale della criminologa Bruzzone me anche dalle investigazioni della polizia postale. Roberta Bruzzone spiegherà agli studenti quanto sia pericoloso fare sexting sul cellulare, scambiandosi foto osé, e sottolineerà come un’immagine, una volta postata sui social, non potrà mai essere cancellata. E’ un argomento molto sentito dai giovanissimi e poco affrontato a scuola, se non tramite psicologi chiamati saltuariamente in cattedra. Bruzzone riuscirà sicuramente a coinvolgere i giovanissimi, che spesso in occasioni del genere intervengono con domande molto specifiche. In passato durante questi incontri sono emersi anche casi di bullismo».

Per iscrizioni alla cena (solo su prenotazione) e-mail info@aylantoristogallery.it oppure telefonare allo 0522/430147.

©RIPRODUZIONE RISERVATA