Malore in negozio, muore parrucchiera

Albinea: Marina Severi, 55 anni, gestiva con la figlia un negozio in centro. Il decesso dopo due giorni di ricovero

ALBINEA (REGGIO EMILIA). Dopo due giorni in rianimazione, senza mai riprendere coscienza, è morta Marina Severi, conosciutissima parrucchiera di Albinea, mercoledì colpita da un ictus mentre si trovava nel suo negozio sotto i portici del centro del paese.

La donna era stata subito portata all’ospedale di Reggio Emilia per un primo tentativo di riduzione del danno causato dall’ictus, e in un secondo momento – vista la gravità delle sue condizioni – è stata poi trasferita all’ospedale Maggiore di Parma, nel reparto di rianimazione. Lì è morta ieri pomeriggio, quando ogni dubbio sulle sue condizioni è stato purtroppo cancellato. La donna era in stato di morte cerebrale, e ogni speranza di recupero era svanita. In questa fase, sono state anche avviate le procedure per valutare la donazione degli organi.

Marina Severi, 55 anni, era la titolare di uno dei negozi di parrucchiera più frequentati e noti del paese pedecollinare, gestito assieme alla figlia Jenni Fiorucci.

Sposata con Urbano Fiorucci, imbianchino, Marina aveva un secondo figlio, Michael, uno dei componenti della squadra Under 18 del Rugby Reggio. La famiglia, che vive nella zona residenziale a Nord del centro, verso Canali, era molto unita e ha sempre seguito le attività sportive dei figli.

Di recente papà Urbano aveva dato una mano alla formazione rugbistica per rinfrescare le strutture usate dalla squadra per allenamenti e partite. La stessa Marina, oltre ad essere una delle negozianti di riferimento del centro di Albinea, era da sempre impegnata nelle attività della zona, collaborando spesso e volentieri con la Pro loco e con le altre realtà attive nell’organizzazioni di eventi e feste. Il fulcro era sempre stato rappresentato dalla sua professione, che ha visto passare nel suo studio generazioni intere di albinetani, spalleggiata con il tempo dalla figlia Jenni, che ha seguito le orme materne dedicandosi a tagli e acconciature. Da mercoledì a ieri pomeriggio, tanti abitanti albinetani hanno cercato di rimanere aggiornati sulle condizioni di Marina, sperando che – nonostante la gravità del malore – la donna riuscisse a recuperare. Quando la notizia del decesso è diventata certa, sono iniziati i messaggi di cordoglio alla famiglia, anche sui social. La figlia Jenni su Facebook ha scritto: «Da stasera lassù ci sarà una stella che brillerà di più. Ciao mamma».

©RIPRODUZIONE RISERVATA