Piazza, la giunta valuta 4 proposte

Bagnolo: avanza il dibattito sul cantiere. Il sindaco: «Ancora inutili polemiche»

BAGNOLO IN PIANO. Quattro proposte per la nuova piazza di Bagnolo sono arrivate sul tavolo della giunta, dopo il confronto ai tavoli di lavoro partecipato, e sono state valutate mercoledì sera dal gruppo di maggioranza “In comune per Bagnolo” e dai rappresentanti della coalizione che lo sostiene.

A darne notizia è la maggioranza stessa. Dopo la petizione che ha raccolto 2.500 firme contro il cambio di viabilità e l’allargamento del tavolo di discussione per decidere come sarà la nuova piazza Garibaldi, le modifiche elaborate si sono tramutate in proposte. La maggioranza parla di «proposte selezionate» che «sono state rese pubbliche anche sul sito del Comune, negli Infopoint organizzati nella sede comunale con progettisti e amministratori, ed infine illustrate alla Conferenza dei capigruppo».

«I diversi passaggi sono strumenti indispensabili alla giunta per arrivare ad una decisione il più possibile condivisa e supportata da tutti i requisiti tecnici utili ed indispensabili a garantire il miglior funzionamento degli spazi, tenendo conto della flessibilità degli usi, dei molteplici interessi e del benessere dei fruitori della piazza stessa – dichiara il sindaco di Bagnolo in Piano, Paola Casali - Nella scelta del progetto si deve tener presente che gli stessi spazi dovranno essere adeguati ad ospitare mercati, eventi e manifestazioni culturali e ricreative, oltre alle normali attività di vita quotidiana delle persone. Soprattutto, la scelta dovrà essere sostenibile, funzionale e in grado di garantire la qualità di vita della Bagnolo del futuro».

Il Comune fa sapere che è stato affidato un incarico a tecnici per avere un progetto di viabilità organico per il centro. «I lavori sono nel frattempo proseguiti con l'installazione e la prossima attivazione, prevista a marzo, del sistema di lettura targhe all'ingresso varco Reggio e varco Novellara, così come sono state ripristinate le telecamere di sorveglianza - prosegue la nota - Il Comune si è inoltre attivato per arrivare al più presto alla ripresa e quindi alla conclusione dei lavori, che purtroppo risentono della difficile situazione che il soggetto attuatore sta attraversando». Si parla di Unieco, alle prese con un concordato. E aggiunge il sindaco Casali: «Stupisce che, insistendo in inutili polemiche, alcuni soggetti attori del tavolo, pur consapevoli delle tempistiche e delle tappe del percorso, vogliano forzarle, tenendo vivo un clima di tensione».