Canossa, una stanza segreta per coltivare "erba" in casa: arrestato

Il 45enne è incappato in un controllo stradale dell'Arma. La mini serra di marijuana accessibile solo dall'armadio

Canossa. Una “stanza segreta”, accessibile solo attraverso un armadio guardaroba con la parete posteriore rimovibile, per coltivare marijuana. E' quanto i carabinieri della stazione di Casina hanno scoperto nell’abitazione di un pittore 45enne di Canossa, arrestato per detenzione a fini di spaccio e coltivazione di sostanze stupefacenti.

L’origine dei fatti nella notte tra domenica e lunedì quando, intorno alle ore 2.30, quando una pattuglia della stazione di Casina, durante un servizio perlustrativo, ha controllato in via Val d’Enza Nord di Canossa di un’auto condotta dal 45enne: quest’ultimo è stato trovato in possesso di un contenitore in plastica contenente della marjuana. La condotta, in un primo tempo reticente  dell’interessato, si è trasformata in collaborazione, poiché quando i carabinieri hanno espresso l’intenzione di andare a casa sua il 45enne ha dichiarato di essere in possesso di analoga sostanza.

In effetti la perquisizione domiciliare dei carabinieri ha portato a localizzare, all’interno dell’armadio guardaroba (dietro la parete interna), una porticina che conduceva in un piccolo locale del sottotetto, dove il 45enne aveva ricavato una mini serra. All’interno della piccola serra artigianale, ricavata in una porzione del sottotetto, i carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato 8 piantine di marjuana, circa 2 etti di marjuana, materiale per la pesatura, il confezionamento e la coltivazione nonché il necessario per la serra: lampade alogene, termostati, ventilatori e addirittura una vasca per l’irrigazione automatica.