Sant'Ilario, prima il diverbio con il noleggiatore poi l'aggressione ai carabinieri

Arrestato un camionista 28enne che ha ferito due militari. Non voleva restituire il furgone

Sant’Ilario d’Enza. Prima il diverbio con il noleggiatore, poi, quando quest’ultimo ha chiesto l’intervento del 112 perché il cliente non voleva restituire il furgone, l’aggressione ai carabinieri, con due militari che hanno riportato ferite giudicate guaribili in 5 giorni di prognosi.

Questa in sintesi la premessa dei fatti, culminati con l’arresto di Hamza Safi, 28enne autotrasportatore abitante a Sant’Ilario d’Enza, che dovrà rispondere del reato di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. Domani mattina l’arrestato comparirà, per la convalida dell’arresto, davanti al tribunale di Reggio Emilia.

Sono stati momenti concitati quelli verificatisi l’altra mattina a Sant’Ilario d’Enza. Una vicenda che si è sviluppata in due momenti. Il primo quando un responsabile dell’azienda noleggiatrice si è presentato a casa del camionista per ottenere la restituzione del furgone Renault Master, essendo scaduto il noleggio lo scorso 31 marzo.

Ma il cliente si è opposto: non intendeva restituire il furgone ed è scoppiato un violento diverbio, con il responsabile dell’azienda noleggiatrice che, vista la condotta del cliente, ha chiesto l’intervento dell’Arma.

Il secondo momento poco dopo, quando una pattuglia della stazione di Sant’Ilario d’Enza, su richiesta del noleggiatore, è intervenuta sul posto per cercare di risolvere bonariamente la diatriba. L’arrivo delle forze dell’ordine però non ha portato alla ragione il camionista che, dopo aver offeso i militari, alla richiesta d seguirli in caserma ha opposto resistenza, scagliandosi contro i carabinieri.