Reggio Emilia, minacce di morte contro la “Caramella Buona” 

Preso di mira Roberto Mirabile, presidente dell’associazione anti-pedofilia. «E a Napoli dal tribunale è sparito un nostro fascicolo su un processo delicato» 

REGGIO EMILIA. “Ti metteremo a testa in giù. Roberto Mirabile impiccato”: questa la minaccia di morte arrivata martedì alla sede nazionale dell’associazione antipedofilia La Caramella Buona Onlus, in viale Monte San Michele a Reggio Emilia. Verso le 11.30 qualcuno ha insistentemente suonato il campanello del portone di ingresso sulla strada, chiedendo, con parole poco comprensibili, che gli venisse aperto. Dal momento che non si qualificava, le collaboratrici della Caramella Buona si sono rifiutate di aprire, ritrovando poi nella cassetta della posta un volantino con le gravi minacce al presidente e fondatore dell’associazione Roberto Mirabile.
Da un paio di anni la Onlus non riceveva minacce: in passato, invece, erano arrivati proiettili, si erano verificati furti di documenti in ufficio e, in occasione di un processo penale a Roma, erano state fatte anche intimidazioni al pubblico ministero della capitale.
«I vigliacchi non fanno paura e rispedisco al mittente queste nuove farneticanti minacce», spiega Roberto Mirabile, attualmente impegnato, col suo staff di avvocati e con la nota criminologa Roberta Bruzzone, in alcuni casi delicatissimi, quali l’omicidio della piccola Fortuna Loffredo, stuprata e fatta precipitare dal tristemente famoso condominio di Caivano a Napoli. «Un processo, questo di Napoli – sottolinea Mirabile – particolarmente complicato e con aspetti preoccupanti: basti pensare che la settimana scorsa era stranamente sparito dal tribunale il nostro fascicolo dove ci costituivamo parte civile nel dibattimento, quindi volevano buttarci fuori dal processo, dopo sei mesi che siamo sempre in aula. Assurdo».
In Emilia, a Reggio, Modena, Parma e Piacenza, la denuncia dell’associazione ha contribuito recentemente all’arresto di un chirurgo molestatore di pazienti, mentre nel Lazio, a Frosinone e Tivoli, i suoi avvocati assistono in tribunale due bambini abusati.
«Da alcune settimane siamo presi di mira da personaggi ambigui che, approfittando dell’anonimato, ci attaccano anche sui social. Sono stato costretto – prosegue Mirabile – a denunciare il tutto alle autorità competenti e proprio in Tribunale a Reggio Emilia si terrà in settembre una prima udienza per diffamazione a danno dell’Associazione, per colpa di qualche ignorante che semina odio». «Noi della Caramella Buona – tiene a precisare infine il presidente – lavoriamo da vent’anni col solo obiettivo di prevenire e reprimere la pedofilia, ottenendo importanti successi, altro non ci interessa e ci fa perdere solo tempo che rischiamo di sottrarre all’impegno a favore dei bambini».