L’amico di famiglia intasca 50mila euro 

Campagnola, 80enne truffata da un 54enne che per anni le ha chiesto denaro per finti investimenti

CAMPAGNOLA. L’amico di famiglia si è rivelato un truffatore privo di scrupoli, che si è finto consulente finanziario per intascarsi ben 50mila euro di proprietà di una donna ottantenne: i risparmi di una vita.
Con l’accusa di truffa aggravata, i carabinieri della stazione di Campagnola Emilia hanno denunciato a piede libero un 54enne carpigiano disoccupato.
Secondo la ricostruzione dei militari che hanno condotto le indagini, l’uomo, definendosi amico di famiglia e promotore finanziario, era riuscito a carpire la fiducia dell’anziana, che aveva convinto a sottoscrivere presunti finanziamenti: una circonvenzione d’incapace che è proseguita per parecchio tempo, senza che alla donna arrivassero gli interessi, per il semplice fatto che il 54enne si intascava le somme che via via estorceva, per un totale di 40mila euro.
Sparito dalla circolazione per diversi anni, il truffatore ha avuto la faccia tosta di tornare alla carica nei giorni scorsi. Si è ripresentato nell’abitazione dell’anziana, promettendole di restituirle l’importante somma. Come? Asserendo di essere beneficiario di un fondo con oltre 50mila euro giacente alla Banca d’Italia: per sbloccare il fondo era necessaria, a suo dire, ulteriore liquidità.
Anche questa volta la pensionata ci è cascata, tanto da accompagnare il malvivente negli istituti di credito dove aveva i propri conti correnti e dove ha prelevato altri 10mila euro e li ha consegnati al truffatore.
Senonché, parlando in famiglia, a spizzichi e bocconi, di quanto le era accaduto, l’anziana si è resa finalmente conto di essere stata raggirata dallo pseudo amico.
I familiari allarmati si sono rivolti ai carabinieri di Campagnola Emilia che, raccolta la denuncia e svolti gli accertamenti, sono risaliti al 54enne, che ora dovrà rispondere in sede penale. Per l’anziana donna si apre la possibilità di rientrare in possesso delle somme sottrattole in sede processuale.
©RIPRODUZIONE RISERVATA.