Campagnola, 80enne colto da malore in casa salvato dai carabinieri

Dopo essere riusciti a entrare passando dal balcone, i militari hanno trovato l’uomo a terra in stato di semincoscienza

CAMPAGNOLA EMILIA. Ha sentito i lamenti del vicino di casa che non le apriva nonostante suonasse ripetutamente il campanello. La vicina, preoccupata, ha quindi dato l’allarme al 112 dei carabinieri di Reggio Emilia, il cui operatore ha girato l’intervento a una pattuglia della stazione di Campagnola Emilia

L’equipaggio, resosi conto della gravità della situazione, è riuscito a raggiungere il balcone e ad entrare in casa per garantire i soccorsi all’uomo, trovato a terra semincosciente a seguito di una crisi glicemica. È accaduto nella tarda mattinata di ieri a Campagnola Emilia, nella Bassa reggiana.

Raggiunta la porta dell'appartamento dell'uomo, al primo piano del condominio, i militari hanno sentito flebili lamenti provenire dall’interno e, per permettere l’accesso ai sanitari del 118, hanno cercato un modo per entrare: grazie ad una scala hanno raggiunto il balcone dell’appartamento e sono riusciti ad entrare in casa aprendo poi la porta principale ai sanitari per soccorrere l’uomo, un 80enne reggiano, che  giaceva a terra semisvenuto.

L’anziano è stato quindi trasportato presso in ospedale e trattenuto in osservazione. È stato colto da malore a seguito di una crisi glicemica.