Rubiera, l'appello del fornaio: ''Aiutatemi a tornare a casa''

di Adriano Arati

Patrizio Bertarini è bloccato a Tenerife da due mesi a causa di una malattia che gli ha fatto perdere mani e gambe

RUBIERA. Un fornaio rubierese in gravissime condizioni di salute, mutilato, bloccato a Tenerife e alla ricerca di aiuto. Si chiama Patrizio Bertarini. A Rubiera, con la famiglia, gestiva un forno a Fontana e uno in paese, nella zona delle scuole. Mentre si trovava nell'isola di Tenerife, in Spagna, è stato colpito da una sepsi fulminante, una violentissima forma di questa malattia che ha tenuto l’uomo in coma per quattro settimane. Al risveglio, i medici spagnoli hanno dovuto amputargli gambe e mani per evitare una ricaduta fatale.

«Mi ritengo comunque fortunato perché mi avevano dato due ore di vita», racconta Bertarini nel suo appello. Ora è alle prese con un problema altrettanto serio e chiede la solidarietà dei suoi compaesani di Rubiera: «Sono a Tenerife da due mesi con mia moglie Rosanna e abbiamo dovuto chiudere temporaneamente due attività lavorative. Non posso rientrare in Italia finché non sarò in grado di prendere un volo di linea aereo normale e non medicale», spiega.

Bertarini lancia quindi un appello: domanda donazioni economiche ad amici e concittadini per raccogliere qualche euro. Soldi che «serviranno a me e alla mia famiglia per organizzare il viaggio di rientro e ricominciare in un momento di forte difficoltà. Non vedo l’ora di rientrare nella mia città e riabbracciare mia figlia, i miei parenti, i miei amici, i miei clienti! Grazie di cuore anticipatamente a tutti, anche a coloro che non conosco ma che hanno deciso di aiutarmi».

Il Comune di Rubiera, coinvolto da amici e famigliari di Bertarini, partecipa alla campagna e si fa da garante, mettendo a disposizione il proprio conto corrente bancario. Le somme raccolte in questo modo verranno poi girate direttamente ai parenti.

Come si può donare? I modi sono due. Il primo è un versamento diretto alla tesoreria comunale, nella filiale rubierese di piazza Gramsci 2 del Banco Bpm (ex San Geminiano e San Prospero). Il secondo è il bonifico bancario sul conto di tesoreria intestato al Comune di Rubiera, codice IBAN IT80 S 05034 66470 000000024827. In entrambi i casi, va specificata come causale “Solidarietà sig. Patrizio B”.

©RIPRODUZIONE RISERVATA