Bagnolo, sette arresti per una truffa con le auto usate 

Audi e Bmw vendute con chilometraggio falso ed evadendo il fisco in quattro concessionarie tra cui la reggiana Car Gas

BAGNOLO. Soldi, tanti soldi, da reinvestire in locali e squadre di calcio. Un tesoro frutto di truffe e reati fiscali che hanno portato agli arresti per associazione a delinquere di sette persone (una sola in carcere) mentre altri quattro sono sottoposti all’obbligo di dimora. L’operazione della Procura di Mantova ha messo nei guai imprenditori, proprietari di squadre di calcio e anche dei finanzieri. Al centro di tutto i traffici sulle auto usate e quattro concessionarie tra cui la Car Gas srl di Bagnolo in Piano.

Succede la notte prima che Piervittorio Belfanti, l’unico finito in carcere si tuffasse sul Mantova calcio. Sognava di mettere sul piatto 620 milioni tra gli applausi quando, molto prima dell’alba, hanno suonato al suo villone di Marmirolo. E per il 55enne re dei ristoranti sono scattate le manette. Associazione a delinquere finalizzata a truffe e reati tributari: ufficialmente era nullatenente con un reddito dichiarato l’anno scorso di 246 euro.

L’operazione “Formula”, coordinata dalla Procura di Mantova e messa a segno da carabinieri, Guardia di Finanza, polizia giudiziaria e stradale, ha portato a indagare altre diciassette persone, undici delle quali sottoposte a misure cautelari. Tra loro Gianni Dondi, il fratello dell’ex presidente del Trento calcio, e tre militari della Guardia di finanza. Nel blitz è stato sequestrato mezzo milione di euro: molto del denaro era in possesso allo stesso Belfanti, a cui sono state sequestrate anche una Jaguar e una Bentley; 200mila euro sono stati trovati nell’auto di Paolo Ferri, ora ai domiciliari, fermato alla frontiera mentre era diretto in Germania.

L’indagine ha preso le mosse dal processo Remax, che ha smascherato un traffico di auto di grossa cilindrata usate a prezzi ridotti, ma con il chilometraggio truccato. Lo stesso giochino è stato così scoperto con le società Gold Car Mediaservice srl, di Cittadella, Formula auto srl di via Brennero, Formula Wagen srls, che opera a Mantova e la già citata Car Gas srl di Bagnolo in Piano.

Per le auto usate, soprattutto Audi e Bmw, venivano aggirati gli obblighi fiscali e soprattutto veniva falsificato il chilometraggio. Da una parte il loro valore era molto inferiore al prezzo pagato dagli acquirenti che tra l’altro perdevano anche la garanzia. Dall’altra venivano danneggiati i concorrenti del settore auto.

L’inchiesta sulle auto, che ha scoperto 130 veicoli contraffatti, ha portato a scandagliare tutte le attività economiche del re mantovano dei ristoranti, che in questo periodo era ai servizi in prova. Belfanti, per il fisco un poveraccio, controllava una ventina di società che hanno in gestione alcuni locali, soprattutto ristoranti. Non figurava né socio né amministratore, ma aveva messo persone di sua fiducia come prestanomi per evadere le tasse e scantonare i sospetti sull’accumulo illecito di soldi.

Sono emersi «gravi indizi di colpevolezza» per il delitto di trasferimento fraudolento di valori e per sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte che hanno indotto il giudice a ordinare la custodia in carcere.

©RIPRODUZIONE RISERVATA.