Volgarità e vandalismi, chiuso l’oratorio 

di Paolo Ruini

Castellarano, niente attività serali al Don Bosco dopo i danneggiamenti e i comportamenti “inadeguati” di alcuni ragazzi

CASTELLARANO. Troppa confusione e qualche episodio di danneggiamento. Così l’oratorio di Castellarano di via Chiaviche chiude nelle ore serali. La decisione è stata presa dalla parrocchia di Castellarano dopo che alcuni ragazzi non hanno rispettato il regolamento che è tipico degli oratori parrocchiali e hanno tenuto comportati sicuramente sopra le righe.

I giovani, come si sa, sono esuberanti. Ma recentemente sembra abbiano superato il limite. Come nell’ultimo fine settimana, quando qualcuno, verso le undici di sera, ha acceso l’impianto stereo della struttura a tutto volume provocando le lamentele dei vicini. A questo episodio si aggiungono poi gli episodi di danneggiamento dei bagni – appena ristrutturati – usati dai ragazzini che stanno frequentando il Grest. Infine, qualche porta rovinata e tante, troppe (visto il luogo) parolacce.

Il fine e lo scopo dell’oratorio Don Bosco è quello di essere un luogo educativo. Quindi, visto che con le buone ragioni alcuni ragazzi non seguono questa linea, è stato deciso di sospendere fino a data da destinarsi l’apertura serale.Una sorta di punizione, dunque, con l’obiettivo di far capire che l’oratorio è un luogo dove è possibile incontrarsi e divertirsi, ma solo nel rispetto della struttura, di tutte le persone che lo frequentano e anche dei vicini.

Mantenere aperta una struttura con dei ragazzi che non seguono le regole di convivenza e di rispetto vorrebbe dire andare contro gli ideali dell’oratorio.

Quindi, fino a quando questi giovani non avranno dimostrato di comportarsi bene, l’oratorio non rimarrà aperto nelle ore serali.

La struttura però rimane aperta tutti i giorni dalle 15 alle 19. La speranza è che molti giovani rispettino maggiormente un luogo di incontro che a Castellarano funziona e rimane aperto grazie esclusivamente all’impegno volontario delle persone che lo gestiscono. Un impegno che non merita di essere ripagato con degli atti vandalici e con il disturbo di chi abita nei pressi dell’oratorio.

©RIPRODUZIONE RISERVATA+