Reggio Emilia, vandali alla Reggia di Rivalta distruggono gli orti: «Visite annullate»  

di Enrico Lorenzo Tidona

L’amarezza dell’associazione che cura la coltivazione «Costretti a fermare i percorsi didattici con grest e scuole»

REGGIO EMILIA. Furti di verdura ne avevano già visti. È una eventualità - comunque deprecabile - che colpisce spesso degli orti urbani disseminati in giro per Reggio. La distruzione che si sono visti davanti agli occhi però i cittadini di Rivalta non trova spiegazioni. Uno scempio del lavoro altrui, quello necessario per curare l’orto di Carlotta, realizzato dal 2015 accanto alla Reggia di Rivalta dai cittadini che sostengono il recupero della villa e il ripristino del suo splendore. A darne notizia sono gli stessi volontari tramite la comunità creata su Facebook, “Reggia di Rivalta”, con la quale pubblicizzano solitamente le iniziative. L’amarezza dei cittadini è tanta, così come sono gravi sono le conseguenze dell’azione messa a segno dai vandali, documentate peraltro dalle foto postata sul social network.

«Il danno non è tanto per un po’ di ortaggi ma per i bambini che li vengono a coltivare e gli eventi che vengono annullati a causa di questi furti ignobili» commentano sulla pagina dedicata. L’annuncio pubblicato è infatti di quel tenore.

«Annullati i percorsi didattici a tema con i grest estivi e le scuole - viene riportato sul gruppo - Compromesse le visite guidate previste all’interno del programma orti urbani e cartellone eventi di villa in villa con le iniziative del Restate di luglio e agosto, e del 17 settembre in collaborazione con Campagna Amica e 24 settembre con Rotararct dove l orto di Carlotta è il fulcro centrale degli eventi. Profonda delusione fra i volontari del giardino segreto e di Insieme per Rivalta. Si spera in un intervento, da parte delle istituzioni, seppur tardivo e più volte invocato».

L’orto e il frutteto realizzato all'interno della Reggia di Rivalta riprende il disegno del “giardino segreto di Carlotta d'Orleans”, desunto dalla documentazione storica. È gestito e curato dall’associazione “Insieme per Rivalta”, che vi svolge sia attività di didattica con le scuole, che visite guidate e iniziative di socialità.

L’associazione, in collaborazione con il Comune di Reggio Emilia, ha attuato parte del recupero dell’orto-frutteto: nella magnifica vasca centrale finalmente zampilla l'acqua, uno dei nove riquadri del disegno settecentesco dell'orto frutteto, con interno l'Orto di Carlotta, è stato realizzato nel 2014, ulteriori impianti di frutti antichi nella primavera 2015 hanno dato corpo ai vialetti interni al giardino. Il vigneto ottocentesco continua a dare ottimi frutti che vengono trasformati in sempre più pregiato lambrusco.

In questi ultimi anni, proseguono i progetti didattici con le novità dell'orto, le mostre e le letture in biblioteca. Un intento sociale ostacolato in queste ore dai vandali che hanno distrutto le coltivazioni. (e.l.t.)