I rapinatori causano un incidente Rissa in strada con gli investiti

di Ambra Prati

Un 46enne di Bibbiano e un 50enne di Reggio rubano la borsetta di un’anziana, poi finita all’ospedale La donna urla, due uomini su un furgone danneggiato affrontano i malviventi che lasciano il bottino

BIBBIANO. Prima hanno rubato la borsetta ad una 78enne, poi hanno provocato un incidente stradale con un furgone, con le due persone a bordo che, alle grida dell’anziana, hanno tentato di bloccare fisicamente i due ladri, scappati ma identificati in un secondo tempo. Tutto questo parapiglia per rubare il portafoglio ad una pensionata, poi finita all’ospedale per lo spavento. Un 46enne di Bibbiano e un 50enne di Reggio Emilia sono stati denunciati dai carabinieri di Bazzano, nel Bolognese, per il reato di tentata rapina impropria in concorso.

I fatti risalgono a venerdì scorso, quando la centrale operativa del 112 è stata informata che a Bazzano, all’altezza del civico 3 di via Castelfranco, si era verificato un furto ai danni di un’anziana signora. Due pattuglie dei carabinieri hanno raggiunto il posto e, raccogliendo la testimonianza della vittima, hanno ricostruito l’accaduto. In pieno giorno, intorno alle 15.30, due uomini hanno rubato la borsa all’interno di un’auto parcheggiata davanti al garage, di proprietà di una 78enne che, nel cortile, era intenta a scaricare la spesa.

I due malviventi sono fuggiti a tutto gas a bordo di un’Alfa Romeo 147. Pochi metri dopo, però, l’Alfa è rimasta coinvolta in un incidente stradale con un furgone: un Ford Transit guidato da un 49enne iraniano residente a Bazzano. Al suo fianco c’era un passeggero di Castelfranco Emilia. Nel frattempo l’anziana, accortasi del furto, si è messa a urlare, chiedendo agli occupanti del furgone di intervenire: «Fermateli! fermateli! Mi hanno rubato la borsa!».

L’iraniano e l’italiano, quando si sono resi conto di avere a che fare con due ladri, sono scesi dal mezzo per bloccare i due malviventi. Tra i quattro uomini è nata una colluttazione, terminata con la fuga a piedi dei due ladri, che hanno abbandonato il bottino e anche dall’auto, rimasta incastrata tra il furgone e il muretto di un passo carraio. All’arrivo dei carabinieri, la refurtiva è stata recuperata e restituita alla legittima proprietaria che, nel frattempo, è stata soccorsa dai sanitari del 118 e trasportata in ospedale per precauzione, perché si è molto agitata e impaurita.

L’Alfa Romeo 147 non è risultata rubata: apparteneva ad uno dei ladri, il 50enne di Reggio, e da lui i carabinieri sono risaliti al complice bibbianese.

La macchina è stata sequestrata e verrà sottoposta ad ulteriori accertamenti dattiloscopici. Secondo i carabinieri, entrambi gli indagati hanno alle spalle dei precedenti per reati contro il patrimonio.

©RIPRODUZIONE RISERVATA