Campagnola, arrestato 33enne per maltrattamenti

La prima denuncia della donna giunge a febbraio, ma il pakistano viola il divieto di dimora

CAMPAGNOLA. È accusato di maltrettamenti alla moglie un cittadino pakistano 33enne di Novellara. La donna, ormai esausta per quanto stava subendo, lo scorso febbraio si è rivolta ai carabinieri della locale Stazione. 

Una volta ricevuta la denuncia, i carabinieri di Novellara, accertate tutta una serie di angherie subite dalla donna, avevano notiziato di quanto accaduto l’Autorità Giudiziaria reggiana che, condividendone le risultante investigative e ricorrendone i presupposti, aveva sottoposto il pakistano ad un provvedimento di divieto di dimora nel Comune di Campagnola disponendo, contestualmente, anche l’obbligo di allontanamento dalla casa famigliare.

Non pago di quanto già emesso a sua carico, l’uomo ha continuato a recarsi nell’abitazione della moglie chiedendo di essere ripreso in casa. L’ulteriore segnalazione di questi fatti da parte dei militari della Stazione di Campagnola Emilia, ha indotto il Tribunale di Reggio ha emettere, nei confronti dell’uomo, un provvedimento maggiormente restrittivo. Ieri, infatti, i Carabinieri hanno ricevuto l’ordinanza di custodia cautelare in carcere che, dopo averlo rintracciato, hanno notificato al pakistano. L’uomo quindi è associato alla Casa Circondariale di Reggio Emilia ove rimarrà a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.