Turisti reggiani bloccati per ore all'aeroporto di Tunisi

L'atterraggio del volo Tunisair era previsto per le 12 di sabato a Bologna. Un guasto tecnico ha fatto slittare l'arrivo di 12 ore. Proteste dei passeggeri stremati dall'attesa

REGGIO EMILIA  Dodici ore di ritardo sull'orario di arrivo previsto. E' l'odissea che hanno vissuto un centinaio di passeggeri, alcuni dei quali reggiani, che hanno subito il ritardo del volo che doveva riportarli da Tunisi a Bologna.

In un momento di esasperazione, secondo quanto riportato sul sito di Repubblica.it, hanno persino tentato di bloccare il gate dell’aeroporto, ma senza riuscire ad ottenere nulla. L'odissea è cominciata alle 9 di sabato mattina, quando i passeggeri - per buona parte emiliano-romagnoli - sono stati fermati allo scalo di Tunisi per un guasto del velivolo della Tunisair che doveva riportarli verso l'Italia. Alla fine, invece che alle 12 come previsto, sono atterrati ieri poco prima della mezzanotte.



Ai passeggeri era stato comunicato un guasto tecnico di lieve entità. Un’ora dopo la comunicazione è stata ripetuta e così, di ora in ora, si è arrivati a ieri sera intorno alle 20. Nell’ultimo annuncio la compagnia aerea ha comunicato la possibile partenza verso mezzanotte o, al più tardi, questa mattina, ma con un volo che sarebbe atterrato a Venezia e non più a Bologna. Esasperati i passeggeri (molti stranieri ed una cinquantina di emiliano romagnoli) hanno a lungo protestato senza ottenere informazioni precise e con un’assistenza che hanno definito "penosa".

L’unico sostegno della compagnia, dicono, è stato "un panino ed una bottiglietta d’acqua per il pranzo". I passeggeri hanno raccontato di "sentirsi praticamente ostaggio" in aeroporto. E ancora, in "assenza di informazioni dettagliate e di un orario certo per la partenza". Tra di loro ci sono diversi bolognesi, ma anche viaggiatori di Modena, Reggio Emilia e di diverse altre città della regione.