«I penitenziari sono luoghi di disperazione»

Il direttore dell’istituto reggiano: «Gesti estremi o di autolesionismo sono sempre più comuni»