«Era un luogo sacro, ora c’è paura»

Tra i frequentatori della zona tanti chiedono più controlli e qualche telecamera