Camion di rifiuti scaricato fuori dall’isola: maxi multa

Toano, i due uomini residenti in un Comune limitrofo ripresi dalle telecamere. Il sindaco Volpi: «Sanzione da 300 a 3mila euro. Sarà un deterrente per altri»

TOANO. Visto che l’isola ecologica era chiusa, hanno pensato bene di lasciare i rifiuti davanti al cancello. Un comportamento che purtroppo appare anche abbastanza comune, ma che in realtà comporta una sanzione, che in questo caso è arrivata grazie alle telecamere. Ripresi mentre compivano l’abbandono, ora i due uomini responsabili dovranno pagare la multa, abbastanza salata, per aver lasciato i rifiuti davanti all’isola ecologica di Cerredolo, durante l’orario di chiusura. 

«Grazie alla solerzia della nostra polizia municipale e ai nuovi strumenti di videosorveglianza del territorio – spiega il sindaco Vincenzo Volpi – abbiamo ottenuto questo risultato, che pensiamo possa servire soprattutto da deterrente a tutti coloro che hanno ancora la pessima abitudine di procurare danni ambientali e all’immagine del toanese». 
 
Racconta l’agente della municipale Steve Paolo Chiesi: «Transitavo per servizio sulla strada provinciale che dal capoluogo conduce a Cerredolo quando, arrivato all’altezza dell’isola ecologica, ho notato una catasta di rifiuti depositata nell’area pubblica antistante: sedie rotte, damigiane, un sacco nero pieno, un pezzo di cartellone pubblicitario, un telo bicolore e altro materiale plastico». 
 
Continua Chiesi: «Ho fatto subito le fotografie e, rientrato al comando, ho visionato i video del nostro sistema di controllo. Ho così scoperto che la violazione era stata eseguita da due uomini che, alle 16,40 del giorno prima, erano arrivati con un autocarro e in pochi minuti avevano scaricato l’immondizia, incuranti del cartello di divieto e di quello indicante la presenza della telecamera, apposti in modo ben visibile». 
 
È stato possibile risalire alle due persone dalla targa del mezzo: si tratta di residenti in un comune limitrofo. «Abbiamo trasmesso la sanzione amministrativa alla persona cui è intestato l’autocarro – conclude l’agente – che è stata invitata al pagamento in solido della contravvenzione». 
 
Conclude il sindaco Volpi: «La multa prevista per le violazioni delle norme in materia ambientale va da 300 ai 3 mila euro, da versare entro 60 giorni dalla notifica. Non possiamo che deplorare gli abbandoni d’immondizia, non solo vicino alle nostre quattro stazioni di raccolta, aperte in alternanza dal lunedì al sabato, ma anche sull’intero territorio». (l.t.) 
 
©RIPRODUZIONE RISERVATA