Reggio Emilia: violenta bambino disabile, arrestato un 21enne

Un giovane richiedente asilo è finito ai domiciliari con l'accusa di aver abusato di un minorenne con problemi psichici nella Bassa Reggiana il 10 luglio

BASSA. Un giovane di 21 anni, un pakistano richiedente asilo residente nella Bassa è stato arrestato dai carabinieri per aver violentato un bambino disabile il 10 luglio.

Violenta un bimbo disabile, il Pm: "Ho chiesto l'arresto in carcere"



A seguito delle indagini coordinate dal pm Maria Rita Pantani il gip del tribunale di Reggio ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare a carico del violentatore, che è finito ai domiciliari.

Il 21enne, vicino di casa della vittima, ha attirato il bambino, di età inferiore ai 14 anni, tra l’altro affetto da problemi psichici e fisici, in una zona isolata dove ne ha abusato.

La vittima al ritorno a casa ha raccontato tutto ai genitori e sono scattate le indagini che hanno condotto al provvedimento cautelare che è stato eseguito ieri dai militari. 

Gli accertamenti medici hanno confermato la violenza sessuale e la vittima è stata ascoltata, in forma protetta, dal pm che ha così raccolto pesanti indizi di colpevolezza a carico del pedofilo. 

Il pedofilo è arrivato da un anno in Italia e ha presentato domanda per ottenere lo status di rifugiato.