l'arresto

Ladro in trasferta a Venezia acceca bimbo con lo spray

Un marocchino di 21 anni nato e residente a Reggio Emilia ha colpito tra i turisti. Per fuggire ha spruzzato spray urticante

REGGIO EMILIA  Borseggiatore con lo spray urticante manda ko quattro persone - tra cui un ragazzino di 11 anni - e rischia il linciaggio da parte dei passeggeri che l’hanno inseguito e bloccato fino all’arrivo della polizia municipale. L’ennesimo furto di portafogli, ieri verso mezzogiorno, ha avuto come teatro il pontile Actv della linea 2 in piazzale Roma. Il solito caos di passeggeri in attesa del vaporetto per il Tronchetto è lo scenario ideale per una coppia di borseggiatori per agire.

Un marocchino di 21 anni, I.E.B. le sue iniziali, nato e residente a Reggio Emilia, con precedenti specifici, punta al portafogli di un turista romeno di 41 anni. Riesce a rubarglielo, dentro ci sono 350 euro. Concluso positivamente il primo colpo, il giovane ladro assieme al complice si prepara per mettere a segno il secondo. L’obiettivo è una turista tedesca settantenne.

Un marinaio dell’Actv si accorge della presenza sospetta dei due, che nel frattempo sono già riusciti ad aprire la cerniera dello zainetto della turista, e avverte la donna dell’opportunità di tenere la borsa davanti. «Attenzione, ci sono i borseggiatori», dice.

Tanto basta perché il marocchino si senta scoperto. Estrae una bomboletta di spray urticante e la spruzza contro chiunque gli capiti a tiro per garantirsi la fuga. Vengono colpiti il marinaio, la turista tedesca, un ragazzino di 11 anni e una donna polacca, dopodiché il marocchino cerca di scappare. A bloccarlo prima che esca dall’imbarcadero sono i passeggeri, tra cui anche il romeno appena derubato.

Il 21enne rischia il linciaggio, evitato solo dall’immediato arrivo della polizia locale. L’uomo viene arrestato - addosso gli viene trovato il portafogli del romeno - e oggi sarà processato per direttissima a Venezia. Dovrà rispondere di rapina impropria e lesioni. Il complice è fuggito. Il marinaio e il ragazzino vanno al pronto soccorso per una dermatite da spray urticante.

Le due straniere, pur doloranti, hanno deciso di non rivolgersi all’ospedale. Sull’episodio è intervenuto il direttore generale del Gruppo Avm-Actv, Giovanni Seno: «Voglio esprimere la mia vicinanza alle persone coinvolte e la ferma condanna per episodi di questo genere. La migliore risposta a questo ennesimo episodio criminoso è stata l’unitarietà con cui forze dell’ordine, personale dell’azienda e clienti hanno reagito, assicurando alla giustizia uno dei due delinquenti. Questo episodio, assieme agli altri dei giorni scorsi, dimostra la crescente voglia di reagire delle persone perbene e l’efficacia del fare squadra tra cittadini, istituzioni e forze dell’ordine. Resto convinto della necessaria e collettiva presa di coscienza che la delinquenza e la microcriminalità si possono vincere se non ci si gira sempre dall’altra parte, se si comincia a dare l'esempio con comportamenti corretti».