Boldrini: «Brava Lucia, basta subire insulti»

La presidente della Camera sul caso dell’ex collega di partito. «Giusto rivolgersi alla magistratura, ora stop alle oscenità»

REGGIO EMILIA. «Ha fatto bene la consigliera comunale Lusenti». Con queste parole Laura Boldrini, presidente della Camera, dà coraggio e sostegno all’azione legale avviata dalla consigliera di Sinistra italiana dopo gli insulti e le minacce via Facebook a cavallo di Ferragosto.

Le due donne non sono unite soltanto da una comune origine politica a Si, a cui Boldrini è rimasta legata fino allo scorso marzo. La presidente è anche un precursore per le denunce contro gli insulti in rete. Non è un caso che Lusenti, segnalando l’episodio, abbia indicato la presidente come un modello. «Reagisco alle offese come Laura Boldrini, sono felice del suo esempio: bisogna fare qualcosa contro le offese sul web», disse allora Lusenti.

Reggio Emilia, Lusenti: «Io offesa proprio come la Boldrini. E ora dico basta»

Parole fatte proprie, ancora una volta, da Boldrini. «Lusenti ha fatto bene – rimarca il presidente – come fanno e faranno bene tutte le donne che, stufe di subire violente oscenità in rete, decideranno di rivolgersi alla magistratura».

Un’azione suggerita anche dagli esperti per tutelarsi dalle offese perpetrate in rete. «Non s’è parlato più del tema, ma sono continuati gli insulti nei miei confronti», ha detto la consigliera. «L’insulto sessista come forma di presunta “critica” è un vergognoso malcostume che esprime l’assenza di idee di chi lo pratica», ha ribadito il presidente della Camera. Boldrini intende così difendere a tutti i livelli le donne impegnate in politica perché «quale che sia l’orientamento (loro, ndr) non è più tollerabile che il dissenso verso di loro si esprima in modo aggressivo e sconcio #AdessoBasta». (g.f.)