la polemica

Pedofilo liberato dal giudice, richesto l'intervento del Csm

Viste le polemiche il consigliere Zanettin dell'organo che governa la magistratura ha sollevato una incompatibilità ambientale o funzionale a carico del Gip del Tribunale di Reggio Emilia Giovanni Ghini

REGGIO EMILIA  Dopo che il ministro della Giustizia Andrea Orlando ha attivato gli ispettori, anche il consigliere laico del Csm Pierantonio Zanettin (Fi) ha chiesto l'apertura di una pratica in prima commissione, per valutare eventuali profili di incompatibilità ambientale o funzionale a carico del Gip del Tribunale di Reggio Emilia Giovanni Ghini.

PEDOFILO DELLA BASSA - Leggi tutti gli articoli

La richiesta è legata alla scarcerazione di un richiedente asilo pachistano, reo confesso di violenza carnale ai danni di un tredicenne disabile. Ghini ha deciso di revocare la misura cautelare degli arresti domiciliari, alla luce «dello straordinario senso di autodisciplina dimostrato dall'indagato» disponendo solo il divieto di avvicinamento al minore e l'obbligo di firma in caserma, ricorda Zanettin. Una decisione che «è stata impugnata dal pm», di fronte alla quale «l'opinione pubblica appare sconcertata» e che ha provocato la reazione delle onlus che combattono la pedofilia, come «la Caramella buona» che ha deciso di organizzare per giovedì sera un sit in di protesta davanti al Tribunale.

INTERROGAZIONE AL MINISTRO  Il deputato Elio Massimo Palmizio, presidente di Forza Italia dell'Emilia-Romagna, annuncia, dopo la «discutibilissima decisione del Gip» di Reggio Emilia - scrive - che alla riapertura della Camera dei Deputati presenterà «una interrogazione al Ministro della Giustizia affinché siano inviati ispettori per le opportune verifiche con l'auspicio che ne consegua un deferimento al Csm».

Inoltre «deve essere chiaro ai richiedenti asilo che si macchiano di un qualsiasi reato - scrive Palmizio - in special modo reati di questa gravità, che la loro domanda non può e non deve esser in alcun modo accettata. Troppo spesso passa l'errato messaggio che i delinquenti in Italia possono fare ciò che vogliono. Le leggi ci sono ma devono essere applicate meglio e in maniera più rigorosa».

«Il pedofilo reo confesso, a mio avviso - prosegue - dovrebbe essere in carcere» ed è «aberrante che una volta assolti gli obblighi di presentarsi in questura (una o due volte al giorno) e di non avvicinarsi alla vittima possa tranquillamente muoversi indisturbato sul territorio ponendo a rischio la sicurezza di altri minori»: «non sarebbe stato meglio 'almenò mandarlo in un centro di accoglienza?». Secondo Palmizio, «oltre alla leggerezza con cui ha trattato il caso, il giudice ha dimostrato poco rispetto anche verso l'Istituzione che rappresenta sfoggiando un abbigliamento poco consono, una t-shirt a mezze maniche di colore rosso. Così come è giusto per noi parlamentari l'obbligo della giacca per entrare in parlamento, dovrebbe essere altrettanto corretto per un giudice l'uso della toga».