Il pedofilo ora abita in un condominio pieno di bambini

di Enrico Lorenzo Tidona

Per il giudice deve stare ad almeno 200 metri dalla vittima, ma il tredicenne vive a pochi passi da quel palazzone

REGGIO EMILIA. Il pedofilo della Bassa abita in un condominio-alveare con venti famiglie all’interno, bambini che girano e giocano per i corridoi, lungo la strada, e genitori - molti stranieri - che preoccupati li guardano a vista.

È un contesto popolare densamente abitato, nel quale vive il 21enne pakistano in attesa del processo, rimesso in libertà dopo aver confessato la violenza sessuale nei confronti di un vicino di casa disabile di 13 anni. Le condizioni per la scarcerazione imposte dal giudice Giovanni Ghini - che hanno suscitato fortissime polemiche e con impugnazione della procura - prevedono per il pedofilo l’obbligo di firma due volte a giorno dai carabinieri e di tenersi ad almeno 200 metri dalla giovane vittima e da qualunque luogo da lui frequentato.

Una distanza, però, difficilissima da rispettare nella realtà dei fatti, essendo l’indagato- fino a ieri - ancora un vicino di casa del bimbo. Il portone della sua casa si apre poi su un parchetto dove giocano i bambini e di fronte, a 80 metri, c’è il cancello di una scuola. La vittima abita quindi in un palazzo distante poco meno di 100 metri in linea d’aria dall’angolo del palazzo del suo aguzzino. La distanza imposta si raggiunge probabilmente se ci si dovesse recare invece a piedi da portone a portone. Una coesistenza che sta facendo infuriare la stessa comunità pakistana che vive nel grande condominio e ospita a malincuore il pedofilo reo confesso, che si è accanito sul 13enne, anch’egli pakistano.

La preoccupazione manifestata in maniera vigorosa dai sindaci reggiani e da parte della società rispetto all’inadeguatezza dell’ordinanza che ha revocato gli arresti domiciliari per il pedofilo, è la medesima manifestata nuovamente nella caserma dell’Arma in queste ore dai concittadini pakistani che avevano già avvertito di non volerlo più in casa.

Ecco allora che si ripresenta con incredibile forza la questione legata al suo domicilio. Quello attuale, in un comune della Bassa reggiana, è giudicato inadeguato vista la vicinanza con la vittima e comunque precario vista l’intenzione dei padroni dell’abitazione di mettere alla porta l’uomo che vive giocoforza a contatto con altri minori. I timori dei concittadini dell’uomo hanno portato ad aprire un ulteriore approfondimento di indagine su precedenti sempre per abusi su minori nei confronti del 21enne prima del suo arrivo in Italia, paese raggiunto con un barcone per fuggire - a suo dire - da un lavoro in schiavitù in Pakistan dove era costretto a ripagare i debiti del padre.

La comunità, a differenza di altri casi, sta offrendo ampia collaborazione alla procura, che sta ora accertando i precedenti specifici in Pakistan. E sul dibattito irrompe la garante regionale per l'infanzia, Clede Maria Garavini, che chiede maggiore «integrazione delle azioni svolte dai vari soggetti per proteggere adeguatamente le vittime».