Premio cinematografico per la scuola “Balletti”

Quattro Castella: con il cortometraggio “Mio Padre” vince il “Brancati”  al Festival internazionale del Cinema di Frontiera di Pachino, in Sicilia 

QUATTRO CASTELLA. Ancora un premio cinematografico per la scuola media Andrea Balletti di Quattro Castella. Il film “Mio Padre”, realizzato dagli studenti della Balletti, ha infatti vinto, all’unanimità, il premio “Vitaliano Brancati”, la sezione dedicata alle scuole del Festival internazionale del Cinema di Frontiera che si svolge ogni anno a Pachino, in provincia di Siracusa.

Questa la motivazione della giuria: «L’opera si è distinta con singolare abilità per l’ottima padronanza del mezzo cinematografico tanto sul piano del linguaggio filmico quanto su quello espressivo, dando così vita a un lavoro felicemente compiuto e riuscito sul piano dell'originalità, nonché della recitazione offerta dai giovani interpreti».

Il cortometraggio si è avvalso di un soggetto e di una sceneggiatura che hanno toccato in modo emblematico uno dei nodi più scottanti posti dal concorso che quest’anno poneva l’accento sul tema della “violazione dei diritti dei minori”, in particolare il fenomeno dell’abbandono scolastico e dell’inclusione degli svantaggiati.

Il cortometraggio parla delle incomprensioni tra un padre e un figlio e riflette sulle difficoltà di comunicazione che possono instaurarsi in questo rapporto.

«Siamo ancora una volta orgogliosi dei progetti portati avanti nella nostra scuola – commenta il vicesindaco di Quattro Castella Tommaso Bertolini –. Questo in particolare si distingue da diversi anni per l'approccio innovativo e una qualità di realizzazione sempre più alta. La soddisfazione più grande è che la nostra comunità, insegnanti, genitori, ragazzi, porti avanti esperienze che facciano crescere e restino nella memoria. Se poi anche all’esterno ciò viene riconosciuto e premiato non può che essere un’ulteriore stimolo».

Questi i nomi degli studenti attori: Simone Dell’Orco, Francesco Elia Stomboli, Damiano Camarda, Marco Pelosi, Andrea Saccani.

Il soggetto del film è stato scritto da Jamile Savoldelli e Saverio Settembrino, che ha composto anche la colonna sonora.

La sceneggiatura è stata ideata da Raffaele Salvaggiola e Matteo Macaluso che ha anche curato la regia.

Al film hanno collaborato anche Valentina Corradini (scenografie), Emanuele Lubezzi (direttore della fotografia), Thomas Landi (montaggio), Stefano Del Re (suono). La media Balletti nel 2014 aveva fatto incetta di premi, ben sette, con un film sul bullismo, dal titolo “Nobody Knows”, e l’anno successivo con il cortometraggio “Something to say” aveva vinto il primo premio nell’ambito del concorso “Testimoni dei Diritti” indetto dal Senato.

©RIPRODUZIONE RISERVATA.