Vaccini a Reggio Emilia, 15mila lettere per i bambini delle scuole

L'Asl sta inviando le comunicazioni nelle case. Ecco cosa prevede la nuova norma

REGGIO EMILIA. L’Azienda Usl di Reggio Emilia, sulla base dei dati in suo possesso, sta inviando in questi giorni circa 15.000 lettere alle famiglie, nel rispetto della legge nr. 119 del 31 luglio 2017 entrata in vigore il 6 agosto scorso che porta le vaccinazioni obbligatorie da 4 già previste a 10. Le comunicazioni hanno un contenuto differente a seconda della posizione dei minori nei confronti dell’assolvimento dell’obbligo vaccinale.

I genitori dei circa 13.000 bambini che hanno completato i cicli vaccinali obbligatori previsti per l’età riceveranno una lettera, da consegnare alla scuola, quale attestazione valida per l’accesso ai servizi educativi per l’infanzia.

Ai genitori dei circa 1.000 bambini il cui stato vaccinale non è completo in relazione a quanto previsto per età, ai sensi della legge in vigore, l’Ausl comunica che l’invito programmato per la prossima vaccinazione, già spedito al loro indirizzo dal Servizio vaccinazioni pediatriche, è un requisito indispensabile per l’accesso alla scuola materna. Copia dell’invito andrà consegnata alla scuola entro il 10 settembre 2017.

Ai circa 1.000 inadempienti parziali o totali l’AUSL sta inviando un invito con data e ora in cui presentarsi per completare il calendario vaccinale.

Nel caso sussistano dubbi sulla necessità di effettuare la vaccinazione o sulla sicurezza dell’atto vaccinale, in occasione dell’appuntamento si potranno ricevere le opportune informazioni.

Si chiarisce, inoltre, che le famiglie che non dovessero ricevere la comunicazione ASL, per problemi logistici o in quanto residenti in altra Regione o per qualsiasi altro motivo, potranno comunque avvalersi della possibilità di presentare l’autocertificazione, scaricabile ai siti www.ascuolavaccinati.it o http://salute.regione.emilia-romagna.it/vaccinazioni-infanzia-e-adolescenza

I genitori dei bambini già iscritti ai servizi educativi 0/3 anni non dovranno presentare alcuna documentazione. L’Azienda Usl infatti è già in possesso degli elenchi dei bambini iscritti e comunicherà lo stato vaccinale direttamente ai Comuni/Gestori dei servizi educativi.

Per la scuola dell’obbligo, per cui la Regione e l’Ufficio scolastico regionale per l’Emilia-Romagna si stanno impegnando a cercare ogni forma di supporto affinché i procedimenti previsti dalla norma possano esser svolti con efficienza, si rimanda a successive informazioni.

La scadenza per la presentazione della documentazione per i bambini e gli adolescenti  iscritti dalla prima elementare al secondo anno delle superiori infatti è il 31 ottobre 2017.

Nel caso esista una controindicazione medica all’esecuzione dei vaccini, i genitori saranno invitati a presentare  alla Pediatria di Comunità il prima possibile un certificato del medico curante (pediatra di libera scelta o medico di medicina generale) che attesti il motivo per cui tali vaccinazioni sono controindicate e il periodo di esonero dalle stesse.

I genitori che vogliano sistemare la posizione vaccinale dei figli possono prenotare la vaccinazione telefonando ai servizi del distretto di residenza. Per ulteriori informazioni e per scaricare il modulo di autocertificazione  www.ascuolavaccinati.it

Qualora le vaccinazioni siano state effettuate in altra sede, per tutti i tipi di scuole, è necessario che i genitori presentino la documentazione relativa alle vaccinazioni effettuate all’Ambulatorio della Pediatria di Comunità del Distretto di appartenenza.

LE NUOVE REGOLE.  La legge nr. 119 del 31 luglio 2017 entrata in vigore il 6 agosto scorso prevede che le vaccinazioni obbligatorie passino dalle 4 già previste (difterite, tetano, poliomielite ed epatite B) a 10.

Sono obbligatorie: la vaccinazione anti-poliomielitica; la vaccinazione anti-difterica; la vaccinazione anti-tetanica; la vaccinazione anti-epatite B; la vaccinazione anti-pertosse; la vaccinazione anti-Haemophilus Influenzae tipo b (Emofilo tipo b). Inoltre sono obbligatorie fino a diversa valutazione successiva la vaccinazione anti-morbillo, la vaccinazione anti-rosolia, la vaccinazione anti-parotite, la vaccinazione anti-varicella. Questo significa che sono tutte e 10 obbligatorie, in base alle specifiche indicazioni contenute nel calendario vaccinale nazionale vigente nel proprio anno di nascita. Ad esempio la vaccinazione contro la varicella è obbligatoria per i nati dal 1 gennaio 2017.  

A partire dall’imminente nuovo anno scolastico per i minori frequentanti scuole di ogni ordine e grado (pubbliche e private) la legge prevede che in caso di mancata osservanza dell’obbligo vaccinale, i genitori o gli esercenti la potestà genitoriale siano convocati dall’Azienda sanitaria locale per un colloquio al fine di fornire ulteriori informazioni sulle vaccinazioni e di sollecitarne l’effettuazione. In caso di mancata effettuazione delle vaccinazioni obbligatorie, è previsto inoltre sia comminata una sanzione amministrativa pecuniaria da cento a cinquecento euro.

Il diritto allo studio non è messo in discussione perché la frequenza scolastica (dalla classe prima elementare in poi) non sarà subordinata all’adempimento degli obblighi vaccinali.

Per gli asili nido e le materne la norma prevede invece che l’esecuzione delle vaccinazioni obbligatorie sia anche requisito per l’accesso. In altre parole senza le vaccinazioni previste dalla legge non si è ammessi.

Il provvedimento adottato a livello nazionale rafforza quanto già legiferato in Emilia-Romagna.

La legge regionale del novembre 2016 nel ridisegnare i servizi 0-3 anni, introduceva come requisito d’accesso ad asili nidi pubblici e privati, l’avere assolto gli obblighi vaccinali prescritti dalla normativa vigente.