giustizia

Pedofilo libero, il Csm chiede gli atti al tribunale di Reggio

Il comitato di presidenza del Csm dopo l'esame del provvedimento di scarcerazione deciderà sull'eventuale incompatibilità ambientale del giudice Giovanni Ghini

REGGIO EMILIA  Arriverà dopo l'esame del provvedimento giudiziario, di cui è stata fatta richiesta, la decisione del Csm se aprire una pratica nei confronti del Gip del Tribunale di Reggio Emilia, Giovanni Ghini. A chiedere l'apertura in prima commissione per valutare eventuali profili di incompatibilità ambientale o funzionale era stato il 21 agosto il consigliere laico Pierantonio Zanettin (Forza Italia).

Il caso Ghini approda mercoledì al Csm

Una richiesta legata alla scarcerazione di un richiedente asilo pachistano, reo confesso di violenza carnale ai danni di un tredicenne disabile. Il comitato di Presidenza del Csm, infatti, si è riunito oggi e tra le varie pratiche all'ordine del giorno, ha affrontano - a quanto si apprende - anche quella in merito alla richiesta di apertura pratica su Ghini in prima Commissione, decidendo di richiedere il provvedimento giudiziario alla presidente del Tribunale di Reggio Emilia, Cristina Beretti: dopo averlo esaminato deciderà.

Nell'avanzare la sua richiesta, Zanettin sottolineava che Ghini aveva deciso di revocare la misura cautelare degli arresti domiciliari alla luce «dello straordinario senso di autodisciplina dimostrato dall'indagato», «disponendo solo il divieto di avvicinamento al minore e l'obbligo di firma in caserma». Una decisione «impugnata dal pm», ricordava ancora il componente del Csm.