Reggio Emilia, paziente violentata nell’ascensore dell’ospedale

di Enrico Lorenzo Tidona

Rinviato a giudizio barelliere di 29 anni per una violenza del 2015 perpetrata a una paziente dentro al Santa Maria Nuova

REGGIO EMILIA. È voluta essere presente ieri in aula, a due anni dalla violenza sessuale che ha denunciato, subita in un ascensore dell’ospedale Santa Maria Nuova di Reggio Emilia. Un reato commesso nell’agosto del 2015 da un barelliere di 29 anni residente a Benevento, dipendente di una coop sociale con sede a Milano, che da lì a poco l’ha lasciato a casa dopo aver saputo della violenza perpetrata alla ragazza, una 31enne di Reggio, distesa sul lettino sotto l’effetto dell’anestesia e sopraffatta dal ragazzo che ne avrebbe approfittato senza alcun ritegno.

Mercoledì, il barelliere è stato rinviato a giudizio per il reato di violenza sessuale, su decisione del Gup Angela Baraldi, su istanza della procura di Reggio, alla presenza della parte lesa, che si è costituita parte civile con l’avvocato Gianluca Vinci. La denuncia della donna ha portato alla ricostruzione dei fatti in aula: l’accusa di violenza sessuale contiene l’aggravante delle condizioni di minorata difesa in cui si trovava la paziente, costretta ad andare in ospedale per accertamenti medici.

Era andata al Santa Maria per poter effettuare dei normali esami. Secondo il racconto della paziente, il barelliere avrebbe spinto il lettino con la donna sotto anestesia dentro un ascensore. Con lei c’era anche la madre, dirottata però dall’uomo verso un altro ascensore, dicendole che quello in cui stava caricando la figlia era ad uso esclusivo del personale di servizio, fatto poi sconfessato.

Chiuse le porte il barelliere avrebbe tolto la sponda, si sarebbe abbassato i pantaloni strofinando poi il pene sul volto dalla donna, palpeggiandole anche il seno. Atti che hanno svegliato la paziente dal torpore.

La ragazza si è infatti accorta dell’uomo e del corpo scoperto, senza riuscire a reagire. Poi, però, quando è tornata pienamente in se, ha raccontato l’accaduto alla polizia, sporgendo infine denuncia. Il giudice ha quindi rinviato a giudizio l’ex barelliere, rigettando poi la citazione in giudizio dell’ospedale Santa Maria Nuova come responsabile civile, perché il ragazzo era dipendente della coop sociale e non dell’Ausl.

Secondo quanto ricostruito, l’ascensore sarebbe rimasto fermo diversi minuti, più del dovuto, avverte l’avvocato Vinci. Oltre alla testimonianza della paziente ci sono poi i filmati che hanno registrato l’uscita dall’ascensore della barella, con la paziente che compare in piedi invece che sul lettino.