Vengono tagliati gli alberi per l’elisoccorso notturno

Castelnovo, in via Bismantova saranno tagliate 10 piante, potatura su altre otto L’assessore Borghi: «Opere per consentire atterraggi e decolli su due direttrici»

CASTELNOVO MONTI . Mentre si attendono i dettagli – richiesti anche ieri dal sindaco Enrico Bini – sugli investimenti e i piani per il futuro dell’ospedale Sant’Anna, avanzano invece le azioni in vista dell’attivazione dell’elisoccorso notturno nel capoluogo appenninico. Lo spiega l’assessore all’ambiente Chiara Borghi annunciando interventi su alcune piante vicine alla piazzola di via Bismantova, proprio per questo motivo: «La settimana prossima – afferma – l’Ausl procederà ad effettuare un intervento di rimozione di tre conifere e sette alberi latifoglie in adiacenza al muro perimetrale del cimitero di via Bismantova, di proprietà del Comune, e alla potatura di altri otto alberi ad alto fusto su un terreno vicino, di proprietà della parrocchia di Castelnovo, che ha già dato la propria approvazione. Queste operazioni condotte da Ausl si sono rese necessarie in quanto nelle scorse settimane l’Ente nazionale per l’aviazione civile (Enac) ha inoltrato alcune richieste specifiche per le elisuperfici dedicate al soccorso, come quella presente, non lontano dal cimitero di via Bismantova».

In particolare, Enac chiede che la pendenza di decollo (8%) sia soddisfatta e libera da ostacoli. A seguito di ulteriori verifiche, è emerso che gli alberi interessati dagli interventi interferiscono con la direttrice di avvicinamento e decollo relativa all’elisuperficie. «L’abbattimento – prosegue Chiara Borghi – risulta fondamentale per il volo notturno dei veicoli di assistenza sanitaria, in particolare per garantire almeno due direttrici di atterraggio e decollo in sicurezza nella piazzola di via Bismantova, per cui è stato necessario provvedere con urgenza, così da poter concludere l’iter autorizzativo per la concessione al volo notturno da parte dell’Enac».

Il rafforzamento dei servizi di elisoccorso notturno era stato annunciato all’inizio del 2017 dalla Regione, che ha destinato a tal scopo 3,2 milioni di euro in più l’anno, avviando un programma specifico per l’abilitazione delle prime 17 “elisuperfici” al volo notturno, destinate all’uso esclusivo degli elicotteri, e situate soprattutto nell’area appenninica emiliano-romagnola.

Tra queste anche quella di via Bismantova. Conclude Borghi: «Nell’aiuola davanti al cancello del cimitero, l’Ausl, in accordo con il Comune, ripianterà alcuni alberi, che comunque non raggiungeranno altezze tali da rappresentare un rischio per la visibilità dell’elisoccorso, ma renderanno l’aiuola più bella. Contemporaneamente a questi interventi, l’amministrazione comunale ha approntato anche progetti di ripiantumazione importanti, che vedranno un saldo estremamente sbilanciato verso nuove piante messe a dimora rispetto a quelle tagliate o potate: già lo scorso autunno abbiamo piantato 100 alberi in alcune zone del capoluogo, e nei prossimi mesi è in programma una ripiantumazione di circa 2.500-3.000 alberi nella zona a valle del centro Coni, a conclusione del progetto di Anas per la “difesa idraulica” che avverrà quest’autunno».

©RIPRODUZIONE RISERVATA.