Evade, arrestata rapinatrice di 17 anni

La ragazza ha derubato e picchiato una coppia a Parma. Fuggita due volte dalla comunità di Carpineti, ora andrà in cella

CARPINETI. A soli 17 anni ha dimostrato la freddezza di una navigata rapinatrice: con la complicità di due amici, non ha esitato, nel centro di Parma, a derubare e picchiare una coppia di fidanzati. Collocata in una struttura protetta per minori di Carpineti, la diciassettenne è fuggita due volte, e ora, per lei, si apriranno le porte del carcere minorile.

Dopo l’arresto per quella rapina la 17enne, di origini marocchine, è stata sottoposta alla misura cautelare della permanenza obbligatoria in una comunità dell’Appennino reggiano, situata a Carpineti. Una misura restrittiva disposta dal Tribunale per i minorenni di Bologna, che tuttavia non ha fatto cambiare comportamento alla ragazza ribelle, che per ben due volte si è allontanata dalla comunità senza dare notizie di sé e mettendo in allarme i tutori.

I carabinieri di Carpineti, che hanno accertato le due “evasioni”, hanno relazionato alla Procura che, condividendo con gli esiti dei carabinieri, ora ha richiesto e ottenuto dal Tribunale per i minorenni un aggravamento della misura: un’ordinanza di custodia cautelare in un istituto penale femminile per minori. Il provvedimento, giunto ai carabinieri di Carpineti, incaricati della vigilanza della diciassettenne, è stato eseguito l’altro giorno. Al termine delle formalità di rito, la ragazza è stata condotta nell’istituto penale.

I fatti di cui è accusata la diciassettenne si sono verificati la notte dello scorso 4 settembre a Parma. La mezzanotte era passata da una decina di minuti quando una coppia di fidanzati, nella centralissima piazza Duomo, è stata derubata dalla ragazza e da due suoi complici. I tre hanno preso a una giovane la borsetta, che conteneva un iPhone 6, documenti vari e 175 euro in contanti. Dopo un momento di sorpresa, la coppia di fidanzati si è avvicinata ai tre ladri, visto che avevano ancora fra le mani la borsetta e gli oggetti della derubata, ma i tre hanno minacciato di picchiarli. I fidanzati non si sono arresi: hanno avvertito le forze dell’ordine, tenendo d’occhio i tre malviventi. Quando questi ultimi si sono accorti di essere seguiti, senza parlare hanno picchiato i due fidanzati (per loro una prognosi di tre giorni) e li hanno minacciati con una bottiglia di birra.

Nel frattempo sono arrivate le forze dell’ordine e i tre aggressori sono fuggiti velocemente. Gli agenti però sono riusciti a fermare un 27enne algerino, incensurato e in regola con i documenti, e la 17enne marocchina, con precedenti penali alle spalle nonostante la giovane età. I due sono stati arrestati per rapina aggravata in concorso, mentre il terzo complice è riuscito a fuggire. (am.p.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA.