Costretti alla fuga i ladri alla BGroup

Rolo, l’allarme li fa desistere quando avevano già portato fuori 5 scatoloni di vestiti e scarpe. Abbandonati anche due mezzi

ROLO. Carabinieri e vigilanti alle calcagna, la notte scorsa i ladri sono riusciti a fuggire dopo avere abbandonato, in tutta fretta, scatoloni colmi di abbigliamento e scarpe appena trafugati da un’azienda della zona industriale. La merce recuperata ha il valore di alcune migliaia di euro.

Si ripete così il copione di quanto accaduto solo pochi giorni fa ai danni di un’altra azienda del settore abbigliamento, di San Martino in Rio. A venire presa di mira questa volta è stata la BGroup, la cui sede, nella zona industriale, è a poca distanza dal casello dell’Autobrennero, da cui probabilmente i malviventi sono arrivati e poi sono riusciti anche a fuggire.

Nel piazzale adiacente il casello sono stati poi recuperati anche due mezzi rubati dal Mantovano, una Renault Clio e un autocarro Volkswagen Crafter, che la banda voleva probabilmente usare per fuggire con il carico di merce rubata. Ma l’allarme collegato con il servizio di vigilanza dell’azienda e i carabinieri, subito allertati, hanno rotto le uova nel paniere dei banditi.

I fatti risalgono alla mezzanotte tra domenica e ieri. I ladri sono entrati nella pertinenza dell’azienda e, in particolare, forzando una porta, sono riusciti ad accedere nell’area dello scarico e carico merci, da dove hanno cominciato a prelevare gli scatoloni colmi di abbigliamento e scarpe di varie pregiate marche.

L’intrusione ha fatto scattare l’allarme. Tuttavia i banditi non hanno desistito subito, dal momento che sono arrivati a trasportare cinque scatoloni all’esterno, fuori dalla recinzione dell’azienda tessile. Poi, una volta lì, si sono convinti a mollare l’impresa. Troppo rischioso continuare nello sforzo anche solo di caricare i cinque cartoni già presi sui due mezzi lasciati poco distante.

All’arrivo dei carabinieri dunque, giunti dalle stazioni di Novellara e Guastalla, la banda era già sparita. Ma non, per fortuna dell’azienda, il bottino, tutto recuperato.

Come anche i mezzi, risultati poi rubati a un’altra azienda, un’officina di San Giorgio di Mantova. Anche quelli sono stati recuparati, con l’ausilio della Polizia stradale di Modena Nord. Al lavoro sono poi subito entrati i carabinieri della scientifica che al loro interno hanno effettuato i rilievi finalizzati all’esaltazione delle impronte digitali. Ciò che sarà trovato verrà inviato al Ris di Parma per le indagini di comparazione con i soggetti pregiudicati censiti nella banca dati a disposizione delle forze dell’ordine.

Vista la dinamica dell’accaduto, che è molto simile a quanto successo qualche giorno fa a San Martino in Rio, dove è stato sventato un furto di merce del valore di 80mila euro, i carabinieri ora ritengono verosimile che ad agire sia stata la stessa banda, specializzata nei furti d’azienda. (m.f.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA.