Palpa bimba alla festa: 6 anni di carcere

Gualtieri, condannato un anziano con precedenti che toccò la bambina di dieci anni mentre giocava con gli amici

GUALTIERI . Una festa di paese, i bimbi che giocano felici a pochi passi dai genitori e l'orco che si avvicina con fare melenso. Un approccio che non desta inizialmente sospetti agli occhi del gruppo di bambini che, defilati, stanno passando il tempo in compagnia. Poi la mano dell’uomo scivola verso una delle bimbe presenti, di dieci anni appena, che viene accarezzata su una coscia mentre è seduta, con fare insistente tanto che, anche lei, nonostante la giovane età, capisce che il segno è stato oltrepassato da quel nonnetto che le si era fatto sotto. Una insistenza a sfondo erotico che ha lasciato nella piena confusione la piccola che, liberatasi dalle grinfie dell’anziano, è andata dai genitori. A questi, poi, ha raccontato l’accaduto facendo scattare la denuncia per violenza su minore, finita poi sul tavolo del pm Giulia Stignani, che ha avviato il procedimento giudiziario conclusosi ieri in primo grado con una condanna. L’imputato, che aveva chiesto e ottenuto il rito abbreviato davanti al gup Stefania Di Rienzo, è stato condannato infatti a 6 anni per i fatti avvenuti nel 2014 durante una festa di paese a Gualtieri, in pieno giorno.

L’atto sessuale raccontato dalla bambina è consistita nel tocco dell’anziano sulla gamba della bambina, lungo la coscia. Una violenza su minore vagliata sentendo non solo la bimba ma anche gli altri ragazzini che erano presenti alla festa e che erano intenti a giocare tra loro.

L’imputato, 80 anni di età, era presente all’udienza ma non è stato posto sotto esame al processo. Ha sempre affermato di essere innocente e di non aver avuto nessun intento a sfondo erotico. Su di lui è pesato un precedente specifico, tenuto in debita considerazione dal giudice, che ha confermato la richiesta di condanna presentata dalla Procura. La bambina ha infatti percepito chiaramente il fastidio dovuto a quell’accarezzamento, come raccontato ai genitori. L’imputato e sempre rimasto a piede libero, non essendo mai stato colpito da misure cautelari.

L’anziano era già stato condannato 10 anni fa a una pena di 4 anni e 5 mesi per violenza sessuale su una bambina di sei anni, con sentenza emessa dalla Corte d'Appello di Bologna. Già all’epoca era pensionato ed aveva accompagnato la bambina a fare un giro in bicicletta, dopo avere carpito la fiducia dei genitori, di cui era diventato amico e che gliela avevano affidata senza preoccupazione. Ma da quel giro in bici la bimba tornò sconvolta e con tracce di sangue sulle mutandine. Il certificato rilasciato subito dopo dai medici del pronto soccorso parlò di abrasioni agli organi genitali.

Enrico Lorenzo Tidona

©RIPRODUZIONE RISERVATA.