Incendio devasta la ditta degli oli esausti

di Miriam Figliuolo

San Martino in Rio, un superlavoro per i vigili del fuoco in via San Pellegrino. Danni ingenti, ora si indaga sulle cause

SAN MARTINO IN RIO. Sono ancora in corso le indagini per capire la natura dell’incendio che la notte scorsa è divampato in uno dei capannoni dell’area degli impianti chimici in cui vengono lavorati gli oli esausti, che si trova in via San Pellegrino 5. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco – che hanno dovuto faticare non poco, vista la presenza di sostanze infiammabili come gli oli lavorati – e anche i carabinieri. A una prima valutazione è parso si potesse trattare di cause accidentali: l’ipotesi è il surriscaldamento di un impianto di trattamento degli oli. Ieri comunque le verifiche dei militari dell’Arma e degli uomini del 115 sono proseguite, anche in seguito all’intervento d’emergenza.

A bruciare è stato un capannone adibito a deposito dove erano custoditi fusti contenenti olio in attesa di lavorazione e all’interno del quale la temperatura è mantenuta elevata da condizionatori. Gli impianti sono dotati di sistemi di sicurezza sui quali ora verranno fatte le dovute valutazioni.

Nessuno, per fortuna, è rimasto ferito nell’incendio, dal momento che nel deposito a quell’ora non c’era personale. Alla fine il capannone è stato dichiarato inagibile. Ingenti i danni, che riguardano anche merce stoccata e apparecchiature.

Ai vigili del fuoco, allertati poco prima delle 4, ci sono volute ore di lavoro per spegnere l’incendio e riportare tutto in situazione di sicurezza. Sono intervenute sei squadre (due autopompe, due autobotti e due autoscale) con personale del 115 di Reggio Emilia, Guastalla e i volontari di Luzzara. Un superlavoro che si è concluso con il rientro dell’ultima squadra alle 11 di ieri mattina.

All’interno dell’area di via San Pellegrino 5 vi sono gli impianti della Nuova Campari e della Sapi srl, aziende specializzate nel trattamento degli olii esausti. In particolare la Sapi da più di 50 anni fornisce, in tutta Italia, servizi di raccolta, lavorazione e smaltimento di sottoprodotti di origine animale, che vengono trasformati per ottenere una vasta gamma di lavorati: mangimi, fertilizzanti e una vasta gamma di grassi e oli destinati all’industria oleochimica, saponiera e al settore dei biocarburanti.

©RIPRODUZIONE RISERVATA