«Tutti uniti contro i disservizi Tper e Fer»

Montecchio, i gruppi di opposizione all’Unione dei Comuni: «Sui trasporti i sindaci devono agire uniti»

MONTECCHIO. «Come liste di minoranza in consiglio dell’Unione Val d'Enza chiediamo a tutti i sindaci di unirsi per una soluzione concreta ai disservizi, impegnandosi, nelle sedi opportune, nella richiesta di sostituire i vertici del trasporto pubblico locale, per manifesta inadeguatezza». Così Maurizio Vergallo (Bibbiano Bene Comune), Natascia Cersosimo (Movimento 5 Stelle) e Marco Bertolini (Gattatico Bene Comune), intervengono sui disagi e disservizi nei trasporti e la polemica con i verti di Fer e Tper .

Gli esponenti dell’opposizione hanno presentato un ordine del giorno per chiedere che alle diverse amministrazioni azioni unitarie. «Su questo tema che dovrebbe unire le amministrazioni locali si registrano, all’interno dell’Unione, differenti posizioni – sottolineano in una nota –. Da una parte i sindaci di Montecchio, Canossa, Bibbiano e Cavriago che chiedono, in mancanza di risposte e azioni certe, la sostituzione dei vertici delle società Tper e Fer. Dall'altra il sindaco di San Polo che prima sottoscrive un comunicato stampa di richiesta di dimissioni e poi si defila con astruse e incomprensibili motivazioni. Per non parlare di alcuni sindaci, come quelli di S. Ilario, Campegine e Gattatico che sono rimasti silenti».

«È arrivata l’ora per una seria discussione sulla mobilità nella nostra Provincia, iniziando dalla Val d’Enza, rivedendo e ripensando le modalità di gestione e di controllo del servizio – dichiarano –. Noi dall'opposizione, come più volte abbiamo detto, saremo sempre presenti e sosterremo quegli amministratori che su questi temi non faranno propaganda demagogica ma agiranno coerentemente. Per questa ragione abbiamo depositato un odg che andrà in discussione nel prossimo Consiglio dell'Unione e sarà l’occasione per verificare se alle belle parole si passerà ad azioni e fatti concreti».