Reggio Emilia: rapinato, picchiato e gettato nel Crostolo

di Jacopo Della Porta

Imprenditore malmenato in via Costituzione: è rimasto per diverse ore ferito nell’alveo prima di riuscire a risalire in strada

REGGIO EMILIA. È stato aggredito alle spalle, rapinato della bicicletta e del portafoglio e picchiato con estrema violenza. Poi è stato gettato nell’alveo del Crostolo, dove è rimasto per ore prima di riuscire a tornare in strada e raggiungere la sua abitazione.

Questa violenta aggressione è stata raccontata ieri pomeriggio da un imprenditore reggiano, sulla sessantina, ai carabinieri.

L’episodio si è verificato in via Costituzione a Reggio, sul Lungo Crostolo.

L’uomo nella notte tra venerdì e sabato stava rincasando in bicicletta quando è stato aggredito alle spalle da uno sconosciuto.

Gli è stata strappata la bicicletta, gli hanno preso il portafoglio e soprattutto durante questi concitati momenti è stato colpito al volto con numerosi pugni. Una brutalità che ha lasciato segni evidenti addosso all’uomo.

Il malcapitato è stato poi gettato nell’alveo del Crostolo, dove è rimasto dolorante per ore. Un accanimento che lascia stupiti.

I familiari dell’uomo lo hanno cercato ripetutamente sul cellulare, che però era rimasto a casa. Così l’imprenditore ha dovuto cavarsela da solo. Per risalire l’argine del Crostolo ha impiegato un paio di ore: tra l’altro le sponde sono state da poco pulite e sono prive di vegetazione e dunque non c’era nulla al quale l’uomo potesse appigliarsi. La vittima, con grande fatica, è poi tornata a casa nel cuore della notte.

L’allarme ai carabinieri è giunto soltanto molte ore dopo, quando verso le 18 di ieri pomeriggio il reggiano, ancora visibilmente sotto choc, ha telefonato ai militari. L’imprenditore si è recato sul luogo dell’aggressione, con la moglie, e ha chiesto aiuto anche per recuperare la sua giacca, che era ancora nell’alveo del Crostolo dalla notte precedente.

A quel punto è emersa la vicenda dell’aggressione a scopo di rapina. Sul posto è intervenuta una pattuglia dell’Arma. A distanza di ore l’uomo era ancora molto provato e il volto tumefatto per i colpi subiti durante la rapina.

I carabinieri che hanno raccolto questa drammatica testimonianza stanno svolgendo alcuni accertamenti preliminari: si cercano anche indizi nei sistemi di videosorveglianza della zona e in eventuali testimoni che potrebbero aver visto qualcosa.

©RIPRODUZIONE RISERVATA