Reggio Emilia, anziana rapinata del collier e della borsa

di Giuseppe Galli

Una donna l’ha avvicinata in piazza San Zenone per chiederle un bicchiere d’acqua per le medicine, ma poi l’ha aggredita

REGGIO EMILIA. Stava rincasando in tarda mattinata, martedì verso l’ora di pranzo, dopo essere uscita per alcune commesse, quando in piazza San Zenone, dove abita, è stata avvicinata da una donna. Un’anziana reggiana, che vive in uno dei condomini che si affacciano sul parco davanti alla chiesa che dà il nome alla piazza, si è fermata per ascoltare la sconosciuta e ha preso a cuore le sue richieste.

«Devo prendere una medicina e avrei bisogno di un bicchier d’acqua», ha detto alla pensionata quella che – poco dopo – si sarebbe rivelata una malvivente senza scrupoli.

L’anziana ha detto alla donna di seguirla, ha aperto il cancello del cortile condominiale, poi il portone d’ingresso ma, quando ha messo piede nell’androne del palazzo, è stata aggredita. La sconosciuta, da donna bisognosa si è trasformata in rapinatrice: ha spinto la sua anziana vittima contro il muro, l’ha immobilizzata e con un movimento fulmineo le ha strappato di dosso il collier che, probabilmente, aveva già notato in mezzo alla strada, quando ha deciso di avvicinarla e colpirla.

La rapinatrice, però, non si è accontentata del collier dell’anziana e le ha strappato di mano persino la borsetta, per poi fuggire a tutta velocità, nel timore che qualcuno potesse accorgersi di ciò che stava succedendo e bloccarla.

All’anziana vittima, rimasta anche senza chiavi di casa, non è rimasto altro da fare se non chiedere aiuto ai vicini e telefonare al 113 per denunciare il fatto alla polizia.