Reggio Emilia, muore a 56 anni l'avvocato Vanda Giampaoli

Ex consigliere comunale e protagonista della vita sociale e politica della città, si è spenta nella notte al Core: era presidente dello Zonta Club International

REGGIO EMILIA. Un lutto improvviso scuote Reggio Emilia, che perde uno dei suoi personaggi pubblici più conosciuti e stimati, determinata protagonista della vita politica, sociale e, perché no, sportiva della nostra città. E' morta nella notte nel reparto del Core, all'ospedale Santa Maria Nuova, l'avvocato Vanda Giampaoli. Aveva 56 anni ed era stata per anni consigliere comunale, oltre che presidente dello Zonta Club International e, dal luglio del 2014, componente del Collegio di Garanzia istituito dal Coni.

Giampaoli: «Il Coni avrà gratuitamente la mia professionalità»

Malata di tumore, ha continuato fino all'ultimo, con la stessa determinazione, le battaglie e gli impegni che l'hanno contraddistinta negli ultimi vent'anni, affrontando con lo stesso carattere anche la lotta contro la malattia che, purtroppo, negli ultimi giorni si è aggravata, portandola al decesso.

Titolare dello studio legale Vanda Giampaoli & C, con sede in via della Previdenza Sociale, la Giampaoli era un avvocato civilista e poteva contare su uno staff composto da altri quattro professionisti e due impiegate.

Grandissima tifosa della Pallacanestro Reggiana, era moglie di Roberto Rabitti, responsabile finzanza dell'azienda Ferrarini Spa e consigliere del club biancorosso, con il quale aveva da poco festeggiato i trent'anni di matrimonio. Era mamma di due gemelli, Nicola e Daniele, che il 24 febbraio scorso le hanno regalato la grande gioia di laurearsi entrambi lo stesso giorno, all'Università Cattolica di Milano.

Originaria di Pesaro, dove era nata il 2 aprile 1961 e dove amava tornare spesso, Vanda Giampaoli si era laureata in Giurisprudenza nel 1985 all'Università di Parma.

Ecco “SvoltaRe” I renziani reggiani al fianco di Vecchi

E' stata, ed era tuttora, protagonista della vita politica della città anche se, dopo l'uscita da Forza Italia, di cui era stata capogruppo in consiglio comunale, dal 2014 non sedeva più in Sala del Tricolore. Alle ultime elezioni amministrative, nel 2014, era stata infatti tra le candidate della lista civica Svoltare, che ha sostenuto il candidato sindaco Luca Vecchi ma che non è riuscita a ottenere un seggio.

Dopo una lunga militanza in Forza Italia, l'ex presidente dei Circoli di Marcello Dell'Utri, si era avvicinata negli ultimi anni alle posizioni di Matteo Renzi.