In tribunale con il coltello, denunciato

Reggio Emilia: a finire nei guai un uomo di 50 anni

REGGIO EMILIA. In tribunale con il coltello. E ancora una volta scatta una denuncia per porto abusivo d’armi.

A finire nei guai, questa volta, un uomo di 50 anni che l’altra mattina si stava apprestando ad entrare in tribunale per adempiere alcune incombenze private. L’uomo è stato fermato all’ingresso dagli addetti al controllo, allertati dal fatto che i segnali di allarme avevano cominciato a squillare attivati dal metal detector. Sul posto sono subito intervenuti i carabinieri del nucleo radiomobile della compagnia di Reggio Emilia.

Nel marsupio del 50enne è stato trovato un coltello della lunghezza di 18 centimetri di cui 8 di lama. Con l’accusa di porto abusivo d’arma i carabinieri del nucleo radiomobile della compagnia di Reggio Emilia hanno denunciato il 50enne, residente a Teramo, alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Emilia.

L’uomo è stato quindi condotto alla caserma di corso Cairoli dove i carabinieri hanno provveduto a sequestrargli il coltello illecitamente detenuto prima di rilasciarlo con a carico una denuncia in stato di libertà per il reato di porto abusivo d’armi.

L’ultimo episodio fotocopia risale al 5 ottobre scorso quando ad essere bloccato e denunciato era stato anche il quel caso un 50enne ma di origini napoletane che aveva fatto scattare all’ingresso del tribunale il metal detector in quanto nel marsupio custodiva un coltello da cucina con una lama di 7 centimetri.